"Alice attraverso lo specchio." La seconda parte sconosciuta del classico di Lewis Carroll.

Alice attraverso lo specchio, Lewis Carroll

Sebbene Alice nel paese delle meraviglie è senza dubbio la storia più famosa di Lewis Carroll, c'è una seconda storia, con lo stesso protagonista, uguale o più interessante della prima. Di lui ha detto Ana Maria Matute, durante il suo famoso discorso Nei boschi, con cui è entrato nella RAE: «Il momento in cui Alice infrange la barriera cristallina dello specchio, che si trasforma improvvisamente in una chiara nebbia argentea che dissolve un invitante contatto con le mani della ragazza, Mi è sempre sembrato uno dei più magici della storia della letteratura. […] Perché non dobbiamo dimenticare che ciò che lo specchio ci offre non è altro che l'immagine più fedele e allo stesso tempo più strana della nostra stessa realtà ".

E questo è esattamente ciò che il romanzo breve Attraverso lo specchio e quello che Alice ha trovato lì. Il libro è un viaggio in un altro mondo, ma allo stesso tempo è un viaggio nel nostro interno, in quell'altro sé che contiene il nostro subconscio. È una storia forse meno spontanea del suo predecessore, ma costruita meglio, e che senza dubbio finisce per risuonare con noi mentre la leggiamo, e anche molto tempo dopo averla finita.

il potere delle parole

"Se vuoi, posso darti il ​​nome di uno degli insetti nel mio paese."

"Se hanno nomi," osservò il Mosquito con noncuranza, "suppongo che verranno quando verranno chiamati".

"Non per quanto ne so," disse Alicia.

"Allora," chiese il Mosquito, "a che servono i nomi?"

"Sei la benvenuta," disse Alicia, "ma immagino che siano utili alle persone che le hanno ospitate ... Se no, perché le cose dovrebbero avere un nome?"

"Chissà!"

Alice attraverso lo specchio torna a far avanzare i concetti di Wittgenstianos sulla lingua. Un tema ricorrente nel romanzo è l'importanza di usare le parole in modo accurato e la differenza tra nomi propri e nomi comuni, sebbene entrambi siano un modo per restringere e comprendere la realtà.

Domande intelligenti a parte, questi giochi linguistici finiscono per portare a situazioni comiche, che sono molto divertenti da leggere, quasi sempre perché qualcuno non capisce cosa vuole dirgli l'interlocutore. Come il personaggio di Tentetieso spiega bene delle parole, "La domanda è chi comanda qui ... se loro o io!"

"Gli insetti della casa dello specchio", terzo capitolo dell'edizione anglosassone.

Un sogno dentro un sogno

"Sei solo una specie di cosa nel sogno del re!"

"Se ti svegliassi adesso," continuò Tara, "svaniresti come una candela svanisce quando lo stoppino si esaurisce."

-Non è vero! Esclamò indignata Alicia. […] Svegliano il Re se fanno così tanto rumore.

"Come vuoi svegliare il re se sei solo una parte del suo sogno?" Sai benissimo che non sei reale.

-Sono reale'! Disse la povera Alicia, versando abbondanti lacrime.

"Non sarai reale, non importa quanto piangi!"

Ci sono molti altri aspetti interessanti nel romanzo: come lo specchio deforma e capovolge la realtà, o il continuo parallelismi tra le mosse di Alice e una partita a scacchi, per citare solo due esempi. Tuttavia, vorrei segnalare un'idea, persistente in tutta la storia, e di cui molto meno è stato scritto: l'enigmatico, e allo stesso tempo terrificante possibilità che il mondo che ci circonda, e noi stessi, sia il sogno di un Dio, o di un'entità a noi estranea.

Il concetto è stato sfruttato, a modo loro, in seguito da autori diversi come Borges e Lovecraft. La stessa Alicia riflette su questo fatto nel romanzo: «Quindi non è un sogno, a meno che tutto non sia un sogno e noi tutti ne facciamo parte ... In tal caso, preferirei che fosse il mio sogno e non quello del Re Rosso! Mi dà molto fastidio essere in un sogno che non è il mio! "

Sogno o realtà, la verità è che vale la pena vivere in un mondo in cui possiamo leggere libri come Alice attraverso lo specchiodi Lewis Carroll. Una storia che è in definitiva gli ultimi giorni di giovinezza per una ragazza vissuta tanto, tanto tempo fa.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.