7 libri per anime solitarie

Solitudine, quello stato non così aberrante che molte persone continuano ad evitare aggrappandosi a qualcosa, che a volte richiede sacrifici per diventare qualcuno più libero ma anche miserabile. Lo sapevano Gabo, anche Murakami o Hesse, autori che li convertirono 7 libri per anime solitarie in manuali non ufficiali per comprendere uno stato dell'anima tanto naturale quanto sottovalutato.

Cent'anni di solitudine, di Gabriel García Márquez

Molti di noi lo apprezzano il titolo iniziale della casa  è stato sostituito dal nome con cui tutti oggi sanno quale sia uno di i grandi romanzi ispanici del nostro tempo. Perché la solitudine, nonostante quanti bambini con nomi simili hai e il fantasma di tuo marito che vaga sotto la pioggia, c'è sempre stata per Ursula Iguarán, l'eroina più discreta di quella letteratura magica ed esistenziale che Gabriel García Márquez incarnato nel suo lavoro del 1967.

Il lupo delle steppe, di Herman Hesse

Come prodotto della crisi spirituale che l'autore tedesco Herman Hesse ha vissuto negli anni '20, The Steppe Wolf è diventato la carne di interpretazioni errate e, allo stesso tempo, una nuova Bibbia per ogni lettore trascendentale che ha apprezzato il ritratto di un uomo ., Harry haller, combattuta tra un sistema disumanizzato e una vita precaria. Per i posteri c'è una traccia d'oro e frasi come «la solitudine era fredda, è vero, ma era anche calma, meravigliosamente calma e grande, come lo spazio freddo e calmo in cui si muovono le stelle«.

Il diario di Bridget Jones di Helen Fielding

Dagli uomini selvaggi degli anni '20 che vagano per le strade solitarie, si passa alle donne che, pur avendo un lavoro, una casa e un buon stipendio, continuano ad essere vittime dell'eterno cliché che considera i single trentenni playboy e donne mature come. . . zitelle. Quello che rimane uno dei romanzi femministi più influente della fine del secolo, il lavoro di Fielding, derivante da diversi colonne scritte dalla stessa autrice per il quotidiano The Independent, non solo è servito per unire di più ai trentenni dell'Occidente, ma per mostrarci quanto potesse essere divertente Renée Zellweger nel suo adattamento cinematografico. Uno dei migliori libri per anime solitarie che vogliono ridere di te stesso. Una volta per tutte.

Il vecchio e il mare, di Ernest Hemingway

Tu, io, il vicino. . . ogni persona ha un obiettivo nella vita, più o meno ambizioso, ma. . . E se quegli scopi non fossero mai raggiunti? Accettiamo il fallimento? O stiamo ancora cercando l'opportunità di mostrare al mondo quanto valiamo? Più o meno questo era il problema di Santiago, il principale pescatore nella famosa opera di Hemingway pubblicata nel 1952. La storia di un vecchio che è entrato nelle acque del Golfo del Messico per catturare un pesce così grande da poter abbagliare chi lo vedeva sempre come un fallito è diventata la scusa perfetta per raccontare l'eterna lotta dell'uomo contro la natura. . . ei suoi stessi demoni.

Madame Bovary, di Gustave Flaubert

Dicono che sentirsi soli circondati da persone sia peggio che farlo senza nessuno, motivo per cui il protagonista dell'opera del perfezionista Flaubert è stato sempre frainteso. Perché questa donna ricca, sposata con un amorevole dottore e una bellissima figlia, aveva motivo di sentirsi infelice? Il lavoro di Flaubert esplora questa insoddisfazione, quella di un mondo che soccombe ai condizionamenti sociali e in molti casi sacrifica vecchi sogni, qualcosa che forse non è cambiato quanto ci si potrebbe aspettare nel XXI secolo.

The Catcher in the Rye, di JD Salinger

Libri per anime solitarie

Controverso all'epoca per il suo linguaggio volgare e i continui riferimenti all'alcol o alla prostituzione, il romanzo più famoso dell'americano Salinger è un'analisi della ribellione adolescenziale contro il sistema, le norme, le convinzioni familiari o l'educazione stessa attraverso gli occhi del protagonista,  Holden Caulfield, quel giovane di 16 anni che non osava darsi a una prostituta e che considerava il mondo "falso".

Tokio blues, di Haruki Murakami

È stata la mia introduzione a Murakami, e come tale ho ricordi molto cari. Perché nonostante sembri una storia semplice, Tokio Blues è anche complessa, il ritratto perfetto di una giovinezza confusa incarnata dai personaggi del solitario Toru e Naoko, l'ex fidanzata del suo migliore amico defunto. In tutte le pagine del lavoro noto anche come Norwegian Wood, in riferimento alla canzone dei Beatles, Murakami ci racconta la storia di personaggi immersi nei propri universi e la loro incapacità di farli coincidere tutti prima o poi.

queste 7 libri per anime solitarie Diventeranno perfetti alleati di quelle riflessioni, crisi esistenziali e pomeriggi solitari in cui, più che temere il sentimento più contraddittorio del mondo, si tratta di accettarlo, appoggiandosi ad esso per conoscere la nostra versione migliore.

Quali libri per anime solitarie aggiungeresti?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

9 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Alberto Fernandez Diaz suddetto

    Ciao Alberto.

    Sono d'accordo con te: c'è un vero terrore di essere o di sentirsi soli e non ci viene insegnato fin dall'infanzia che è bello avere momenti di solitudine per conoscerci meglio, per connetterci con la nostra parte più profonda.

    Molte persone dimenticano che è anche un orrore voler essere soli e non essere in grado di farlo. La stragrande maggioranza delle persone non sa stare da sola e non potrebbe andare senza nessuno al cinema, a un concerto, a bere qualcosa ...

    La solitudine, quando non è imposta dalle circostanze, è un bene da rivendicare.

    Non credo che questi siano sette libri per anime solitarie, ma per tutti gli amanti della buona letteratura (toglierei dalla lista «Il diario di Bridget Jones, anche se ammetto di non averlo letto, perché mi dà la sensazione che non è all'altezza del resto). Di quelli di cui parli, ho letto "Cent'anni di solitudine", "Il cacciatore nella segale" e "Tokyo Blues". Mi sono piaciuti molto tutti e tre e anche per me il libro di Murakami è stato il mio primo approccio con questo autore.

    "Steppenwolf" L'ho avviato un paio di volte o tre, ma non l'ho continuato (non perché non mi piacesse). È un libro denso. Si noti che Hesse l'ha scritto a seguito di una crisi esistenziale. Devo finirlo un giorno.

    Un abbraccio da Oviedo e buona Pasqua.

    1.    Alberto Legs suddetto

      Ciao Alberto

      Per quanto!

      In effetti, le persone spesso hanno paura della solitudine e, per accettarla, può essere goduta appieno. Ovviamente non deve essere confuso con l'isolamento 😉

      Un altro abbraccio

  2.   anonimo suddetto

    Penso che alcuni sappiano cos'è la solitudine, ma mi chiedo se qualcuno sappia cos'è la compagnia. Essere accanto a qualcuno, chattare, fare qualche attività o simili? si suppone che interagire con le persone smetta di essere soli, credo che non sia così, la vera compagnia percepibile è quella delle fauci del tempo che divorano tutto all'infinito.

    Quando ci sono bisogni istintivi ed emotivi, la compagnia sembra essere ciò che serve, per evitare e illudersi e dimenticare che tutto lentamente sfuma nell'oblio assoluto. Pensi di essere solo, ma davvero lo sei sempre stato e non l'hai mai realizzato, provi apprezzamento, amore per i tuoi cari? ma, forse, hanno smesso di ascoltare il rumore del tempo che svanisce, continuerai ad amarli nonostante non riesci a sentire a malapena con le tue orecchie sorde.

    La solitudine vuole solo che tu combatta, e nel modo più saggio, con il cuore liberato da tutte le assurdità illusorie in cui prima pensavi di essere felice, la solitudine è una lotta continua senza riposo, per rimanere fedele e fermo in modo che ciò che avevi emerga di per lasciare nascosto al sicuro dalla vita il creatore dei pensieri autentici e che ha sempre voluto darti compagnia, il tuo cuore. Con lui non sarai mai solo e capendo inizierai a fare quello che lui ha sempre voluto che facessi, combattere nel silenzio più assoluto la battaglia più grande di tutte quella del tuo successo nel lasciare la solitudine.

    Penso che sia per questo che alcune persone e anche famose in un certo senso brillano nel loro campo, sono riuscite a smettere di essere sole, e si sono dedicate a ciò che amavano, al loro senso della vita.

  3.   Un'assurdità. suddetto

    È vero che la bontà emana la sensazione di essere vivi, in un mondo dove dovrebbe essere l'opposto e non c'è posto per essa. Chi concepisce la lotta contro gli altri assurda e inutile capisce che bisogna combattere, il male vive anche nelle persone, anche se lo considero certamente difettoso, un albero non nasce secco e marcio.

    La solitudine è un sintomo che si soffre quando l'essere vivi viene percepito con un'altra intensità e quanto sia imprevedibile essere vivi. Mentre altri si credono immortali a causa della lontananza della vecchiaia dimenticata, vivono nell'assunzione di ciò che credono sia il più appropriato scambiarsi emozioni artificiali a seconda del momento, un valore di identificazione con l'emozione accettata.

    La solitudine è il linguaggio con cui è scritta la vita, così inosservati vagano tra coloro che si conformano alla dipendenza sociale e ai concetti comportamentali che essa offre. Le vittime che amano le proprie catene.

    Sono uno spettatore di questo teatro scandaloso e quando il sipario si chiude torno nel mio posto preferito.

  4.   gamboa blanco jose o. suddetto

    la solitudine fa bene quando sei tu a cercarla, terrificante quando è lei a cercarti ……… ..

  5.   la luce del fuoco suddetto

    La solitudine può essere un'amica gentile quando attraversi un evento in cui devi solo stare con te stesso, tuttavia, quando arriva non invitata, la sua presenza ti tormenta, nella mia esperienza vorrei la compagnia di amici con cui condividere un momento felice, un momento divertente, ma quando attraverso eventi tristi preferisco semplicemente non avere nessuno al mio fianco

  6.   Bela suddetto

    Non posso essere solo. Non capisco come godermi la solitudine o divertirmi. Pensavo di saperlo, ma ho provato una sensazione di estrema solitudine. Mi tormenta e ogni volta che penso di poterlo superare, mi tira indietro. Ecco perché mi rivolgo ai libri, i miei consiglieri preferiti. C'è un libro che può aiutarmi a superare la solitudine o almeno a capirla?

  7.   Immagine segnaposto Silvia Aguilar suddetto

    Consiglio il libro "La luz de la nostalgia", di recente pubblicazione. Lo scrittore è Miguel Angel Linares, un libro perfetto per anime solitarie. Storie romantiche e malinconiche che ti faranno riflettere sulle occasioni mancate e su quanto sia capriccioso il destino innamorato. Basta leggere e l'ho adorato. Scritto molto bene e una prosa poetica invidiabile.

  8.   LUISO suddetto

    Buona selezione Lei LOBO ESTEPARIO E M. BOVARY Sendas mi ha impressionato intensamente.
    Leggerò TOKYO BLUES, perché ne ho letto uno di MURAKAMI e mi è piaciuto molto.
    L'interesse specifico è che voglio regalare a mia figlia di 40 anni un buon libro sulla solitudine ben gestita.
    Grazie per il tuo articolo.
    Penso di condividerlo.