Russia. 7 classici essenziali della sua letteratura. Li abbiamo letti?

Ha iniziato il Coppa del Mondo. C'è già intrattenimento nel mondo per un mese fino al prossimo 15 luglio. E quest'anno si festeggia a quel paese incommensurabile, bello e affascinante che è la Russia. Oggi dedico questo articolo a 7 delle sue opere letterarie più rappresentative e 6 autori fondamentali della sua storia. Ed è possibile che se non li abbiamo letti, abbiamo visto un adattamento cinematografico. Confesso che mi manca Guerra e pace, ma il resto va a merito.

I russi e io

Una parte della parrocchia qui che mi conosce sa che per motivi che mi sfuggono, o che non sono ancora riuscito a identificarmi bene, sono russofilo. Sarà il mio amore per il freddo e gli spazi aperti, o per la malinconia così associata all'anima russa. E come ho detto qualche giorno fa uno dei miei poeti preferiti è Alexander Pushkin. Ma non lo so, il fatto è che questa terra e la sua gente mi attraggono e sono state anche l'ispirazione per uno dei miei romanzi.

Ho dovuto fare le mie ricerche per una storia ambientata nella seconda guerra mondiale ed è per questo che ho letto quella rozza Arcipelago dei Gulag, di Alexander Solzhenitsyn o Vita e destino di Vasili Grossman e La madredi Gorki. Il Anna Karerina di Tolstoj o Il Doctor Zivago Li avevo letti molto tempo prima da Pasternak perché sono stati a casa mia da quando ricordo, oltre a vedere vari adattamenti cinematografici. E il Racconti proibiti russi Afanásiev mi ha dato una prospettiva che non conoscevo.

E sì, l'ho fatto Guerra e pace come sicuramente la metà dei mortali del mondo che si sono accontentati di vedere la sua versione cinematografica con le facce di Audrey Hepburn, Henry Fonda e Mel Ferrer. Ma ci sono così tanti scrittori e opere letterarie così fondamentali che la Russia ha prodotto che non ci sarebbero abbastanza articoli per commentarli.

7 classici

Ana Karerina - Leone Tolstoj

C'è poco da dire su Leo Tolstoy. Basta con la tua figura di uno dei più grandi scrittori non solo russo ma dalla letteratura mondiale. Ana Karenina, pubblicato nella sua versione finale nel 1877, è considerato il suo lavoro più ambizioso e di vasta portata. Di natura realistica e psicologica, questo romanzo fornisce una descrizione straordinaria della società russa dell'epoca e mostra una feroce critica all'aristocrazia in declino, alla sua mancanza di valori e alla crudele ipocrisia che prevale.

Ha coinciso con una profonda crisi morale dell'autore che lo ha portato a scrivere questo storia scioccante di adulterio. La sua protagonista, Ana Karenina, è condannata a una tragica fine guidata dalla colpa, dalla ricerca del bene e dalla caduta nel peccato, dal bisogno di redenzione, dal rifiuto sociale e dal disordine interno che questo rifiuto provoca.

Guerra e pace  - Leon Tolstoj

Erano sette anni di lavoro e 1 pagine Questo induce, almeno, pazienza quando raccogli il libro. È possibile che per questo motivo, la gelida steppa russa, Austerlitz e Napoleone e i molteplici conflitti tra i protagonisti, ci siano tanti di noi che si sono tirati indietro. Poi abbiamo i volti degli eleganti Audrey Hepburn, Henry Fonda e Mel Ferrer nella sontuosa, e anche lunga, produzione cinematografica che ha firmato king Vidor nel 1956. E l'abbiamo preferita alla carta.

Nel romanzo di Tolstoj le vicissitudini della vita di numerosi personaggi di tutti i tipi e condizioni sono narrate nel corso di circa cinquant'anni di storia russa. E così troviamo la campagna dei russi in Prussia con la famosa battaglia del Austerlitz, la campagna degli eserciti francesi in Russia con la battaglia del Borodin o l'incendio di Mosca. Mentre si intrecciano le vicende di due nobili famiglie russe, il Bolkonska e Rostov. L'elemento di collegamento tra di loro è il conteggio Pedro Bezeschov, attorno al quale si restringono le complicate e numerose relazioni.

Arcipelago dei Gulag - Alexander Solzhenitsyn

Bandito per molti anni dal regime comunista, questo è il cruda cronaca della rete dei campi di internamento e di punizione sovietici dove milioni di persone furono imprigionate durante la seconda metà del XX secolo. Solzhenitsyn è stata confinata in uno di loro e ricostruisce minuziosamente la vita al suo interno. tre volumi e sono scritti tra il 1958 e il 1967 ed è un documento essenziale sul tempo.

Il Doctor Zivago - Boris Pasternak

Boris Pasternak era poeta, traduttrice e romanzierae nella sua giovinezza si è confrontato con Tolstoj o Rilke. Questo è il suo capolavoro, che ha ricevuto dure critiche dal regime comunista e lo ha reso un autore fuorilegge. Ma lo ha anche portato a ottenere il Premio Nobel per la letteratura nel 1958.

Yuri Andréyevich, Dr. Zhivago (che avrà sempre il volto di Omar Shariff) si innamora di Larisa Fiódorovna. Il storia d'amore tra i due, appassionata, tragica e impossibileNell'atmosfera della rivoluzione russa, è uno dei più ricordati nella letteratura e anche nel cinema.

Vita e destino - Vasili Grossman

Tanto emozionante e commovente quanto difficile da leggere, Vita e destino, è un immenso arazzo di storie umane che è stato confrontato con il precedente Guerra e pace o Dottor Zivago. Sono testimonianze come il dolore di una madre costretta a salutare il figlio, l'amore di una giovane donna sotto i bombardamenti o la perdita della sua umanità da parte dei soldati in prima linea. Indispensabile anche per quelli di noi che ne sono amanti Seconda Guerra Mondiale.

La madre - Maxim Gorky

Un altro grande, Máximo Gorki, ha forse il suo più grande successo in questo lavoro. Lo scrittore è stato ispirato da eventi accaduti nello stabilimento di Sornovo durante la rivoluzione del 1905. E in esso si rispecchia perfettamente la sua cieca fede in una vera e possibile rivoluzione capace di migliorare l'esistenza dell'uomo.

Racconti proibiti russi - Alexander N. Afanasiev

incluye Una selezione di storie dall'erotico all'anticlericale che questo giornalista e appassionato folclorista russo dell'Ottocento si era incaricato di redigere e di cui ho già parlato in questo articolo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Fernando suddetto

    Ti sei olimpicamente dimenticato di Fëdor Dostoevskij. Deplorevole…

    1.    Mariola Diaz-Cano Arevalo suddetto

      Ciao Fernando.
      No, olimpionicamente non ho dimenticato Don Fiódor. Solo lui merita un intero articolo che gli dedicherò a breve, quindi ho deciso di escluderlo da questo. E non essere così dispiaciuto. Ci sono cose più importanti da fare ;-).