6 libri sul D-Day, lo sbarco in Normandia

Un anno in più, per tutti gli appassionati di Seconda Guerra Mondiale, la 6 giugno è segnata sul calendario come una delle date più importanti del conflitto. Sono già 74 quelli che sono passati. Questi 6 libri devono continuare a ricordarlo D-Day 1944, l'atterraggio di Normandia.

Sei eserciti in Normandia - John Keegan

Il 6 giugno 1944, il D-Day, è stato segnato nella storia come uno dei Appuntamenti chiave della seconda guerra mondiale. Fu una pietra miliare militare a cui parteciparono tutti gli eserciti alleati e che segnò l'inizio della fine della macchina militare tedesca.

Lo sbarco sulle spiagge della Normandia fu un successo praticamente perfetto, ma seguirono altri tre mesi di combattimenti fino a quando la difesa tedesca fu spezzata e Parigi poté essere liberata. Questo libro è un racconto magistrale di una delle campagne militari più rilevante nella storia.

John Keegan è uno dei più grandi prestigiosi storici militari britannici e introduce il lettore ai combattimenti in cui sono stati coinvolti i sei eserciti che hanno partecipato alla campagna. Anche nelle decisioni tattiche dei comandanti e nelle esperienze traumatiche che i soldati hanno affrontato.

Tedeschi in Normandia - Richard Hargreaves

Questo è l' conto di circa 60.000 soldati tedeschi, marinai e aviatori caduto nella lotta per la Normandia. Nonostante il regime che hanno servito, hanno combattuto coraggiosamente, e in molti casi onorevolmente, contro un nemico che li superava in modo schiacciante e numeroso.

È narrato da lettere, diari, ricordi personali, racconti, giornali e documenti di ufficiali e soldati tedeschi in Normandia. L'altro punto di vista che ha bisogno di ogni storia di una guerra.

D-Day - La battaglia di Normandia - Antony Beevor

Il classico quasi classico per questa data è questo libro del famoso storico britannico. Beevor ci scrive a lunga storia ricca di dati su uno dei suoi soggetti preferiti, la seconda guerra mondiale. Qui il racconto storico dettagliato è costellato di esperienze personali che lo umanizzano e gli danno la necessaria dose di emozione. Beevor riesce a combinare perfettamente quella precisione storica così comune nei suoi lavori con molti testimonianze di interviste personali e lettere di veri protagonisti della battaglia.

Il giorno più lungo - Cornelius Ryan

Ryan, nato a Dublino, era un giornalista irlandese-americano e anche uno scrittore noto soprattutto per i suoi lavori sulla storia militare. Questo libro è considerato da molti il classico lavoro dello sbarco in Normandia. Ci racconta lo sbarco da un punto di vista umano, affidandosi ancora a un gran numero di testimonianze.

Presente a storia corale da tutte le prospettive e punti di vista, Ryan realizza una storia divertente e perfettamente ordinata. Ryan, inoltre, lo era guionista Film con lo stesso nome che fu realizzato nel 1962. Era diretto da Ken Annakin e aveva un cast di lusso tra cui spiccano John Wayne, Henry Fonda, Robert Mitchum, Sean Connery e Richard Burton. I suoi effetti speciali e la fotografia hanno vinto due Oscar ed è anche considerato un classico del cinema di guerra di tutti i tempi.

I segreti del D-Day - Larry Collins

Lo scrittore e giornalista americano Larry Collins era il solito collaboratore della francese Dominique Lapierre nella serie di libri condivisa da questi autori. Qui Collins ci ha raccontato questa storia presumibilmente sconosciuta dello sbarco in Normandia. Con la sua nota facilità narrativa, racconta il ruolo importante dei servizi segreti al momento di confondere Hitler, tra i quali ha evidenziato il lavoro della spia spagnola Garbo.

Garbo la spia - Stephan Talty

Talty è stato un reporter di eventi presso il Miami Heralde giornalista indipendente a Dublino e New York. In questo libro Sviluppa anche la figura di Juan Pujol, o Garbo. Lo mette in evidenza come una delle persone che hanno reso la vittoria degli alleati nella seconda guerra mondiale una realtà e la cui storia è così sorprendente, romantica e spettacolare che è difficile credere che sia vera.

Pujol è nato a Barcellona all'inizio del XX secolo e sin da giovanissimo ha dimostrato di possedere il legno per inganno ed era anche un feroce antinazista. Dopo la guerra civile spagnola si offrì come doppio agente agli Alleati. E così Pujol creò, per i servizi segreti nazisti, eserciti aerei, squadroni di navi che esistevano solo nella sua testa e una rete di agenti formata solo da lui.

Ma la sua prestazione davvero eccezionale è consistita nel far credere ai tedeschi che il Lo sbarco in Normandia sarebbe avvenuto a Calais e non in Normandia. Ciò ha facilitato l'attacco alleato e l'inizio della fine della seconda guerra mondiale. Quando il conflitto finì e temendo rappresaglie da parte dei nazisti sopravvissuti, Pujol fuggì dall'Europa, simulò la propria morte anche per la sua famiglia e ricostruì la sua vita con un'altra identità.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)