6 libri su Auschwitz nell'anniversario della sua liberazione

Auschwitz è sinonimo di uno dei più scioccanti orrori nella storia dell'umanità. Oggi segna un nuovo anniversario della liberazione nel 1945 del più famigerato campo di sterminio nazista. Ci sono innumerevoli opere di vario genere sull'argomento e questo è un minimo selezione di romanzi, alcuni basati su eventi reali, che porto in ricordo di quella data.

Il Bibliotecario di Auschwitz — Antonio Iturbe

In questo romanzo, lo scrittore di Barcellona ha raccontato una storia basata su fatti reali. In esso, nella caserma 31 del campo, Freddy Hirsch ha aperto una scuola di fortuna con a biblioteca modesta e clandestina segreto con otto libri. il giovane Dita li nasconde e, allo stesso tempo, non si arrende e non perde mai la voglia di vivere o di leggere.

Il farmacista di Auschwitz. La storia non raccontata di Victor Capesius - Patricia Posner

L'autore ci racconta la storia di Vittorio Capesio, uno degli assassini più sinistri e stranieri del Terzo Reich, che custodiva la riserva nazista di Zyklon B gas e ha fornito ai medici del regime farmaci da sperimentare su donne in gravidanza e bambini. Posner parla per la prima volta del suo tempo come venditore per l'industria farmaceutica, della sua successiva adesione al nazismo, della sua ascesa in orrore in quei campi di concentramento e di quanto sia stato difficile assicurarlo alla giustizia.

Il ragazzo che ha seguito suo padre ad Auschwitz — Jeremy Dronfield

Dronfield è un biografo, scrittore, romanziere e storico con una vasta esperienza nel raccontare storie ambientate nella seconda guerra mondiale e uno stile che è stato considerato quasi "dickensiano". Questo romanzo è basato su diario segreto di Gustav Kleinman, che, insieme al figlio Fritz, resistette per sei anni in cinque dei peggiori campi di sterminio, tra cui Auschwitz.

La tatuatrice di Auschwitz - Heather Morris

Morris è nato in Nuova Zelanda e in questo romanzo si basa la vera storia di Lale e Gita Sokolov, due ebrei slovacchi che riuscirono a sopravvivere all'Olocausto. Lale lavora come tatuatore per i prigionieri e tra questi c'è Gita, una giovane donna di cui si innamora. Quindi la sua vita assumerà un nuovo significato e cercherà di fare tutto il possibile affinché Gita e il resto dei prigionieri sopravvivano. Dopo la guerra, decidono di trasferirsi in Australia per ricominciare da capo.

Il ballerino di Auschwitz Edith eger

Nato in Ungheria, Eger era a adolescente quando i nazisti invasero il suo villaggio in Ungheria e la deportarono con il resto della sua famiglia ad Auschwitz. I suoi genitori furono mandati direttamente alla camera a gas e lei rimase con la sorella, in attesa di morte certa. Ma quando ho ballato Il Danubio blu per il dottor Mengele gli salvò la vita e, da quel momento in poi, iniziò a lottare per la sopravvivenza che finalmente riuscì a raggiungere. Poi era nel Cecoslovacchia comunista e finì Stati Uniti, dove sarebbe diventata una discepola di Viktor Frankl. Fu allora, dopo aver nascosto per decenni il suo passato, che decise di parlare dell'orrore che aveva vissuto e di perdonare come un modo per curare le ferite.

Un amore ad Auschwitz: una storia vera — Francesca Paci

La giornalista Francesca Paci ricostruisce a fatto reale dimenticato attraverso fonti estratte dagli archivi del Museo statale di Auschwitz, documenti dell'epoca e conversazioni con i pochi testimoni di questo storia d'amore che sono ancora vivi. lo recitano Zimetbaum cattivo, una giovane donna colta e carismatica, che parlava più lingue e fu scelta dalle SS come interprete e traduttore. Molto generosa, ha sempre cercato di aiutare i suoi compagni di prigionia. Y Eddie, Edward Galinski, che era un uomo insolito perché lo era uno dei primi deportati al campo di Auschwitz-Birkenau. Ha assistito all'inizio e allo sviluppo di quella macchina del genocidio, ma non ha mai ceduto allo scoraggiamento o alla disperazione. Fu allora nel 1944 quando, sebbene il Terzo Reich fosse vicino alla sconfitta in guerra, Edek e Mala si innamorarono e affrontarono il loro destino.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.