+7 poesie scritte da donne

Ci sono molti poeti nel mondo

Perché in molte occasioni sono stati messi a tacere; perché per ragioni che persistono ancora oggi e che non capiamo, vengono ancora ignorate rispetto al sesso maschile; perché hanno la stessa qualità di quelli scritti dagli uomini; perché è anche letteratura e qui, in questo blog letterario, ci dedichiamo a parlare di buona letteratura ... Per tutti questi motivi e altri che potrei continuare a darvi, oggi vi porto un articolo con 5 poesie scritte da donne.

Giudica tu stesso ... o meglio ancora, non giudicare, divertiti e basta ...

La prima poetessa al mondo

Molte famose poesie sono state scritte da donne

Sebbene le donne siano state relegate al secondo posto in tutte le arti, la verità è che sono state loro a distinguersi in alcuni casi. E qualcosa che non si sa è che, il primo poeta, era una donna e non un uomo. Ne parliamo Enheduanna, figlia del re Sargon I di Acad.

Enheduanna era la sacerdotessa di Nannar, il dio della luna sumero. Ai suoi tempi, sia il potere politico che quello religioso erano uno, ed è per questo che ha partecipato al governo di Ur. È stata anche, come vi abbiamo detto, la prima poetessa del mondo.

La poesia di Enheduanna è caratterizzata dall'essere di natura religiosa. Lo scrisse su tavolette d'argilla e in scrittura cuneiforme. Quasi tutte le poesie erano indirizzate al dio Nannar, al tempio, o anche alla dea Inanna, che proteggeva la dinastia Akkad (a cui apparteneva).

In effetti, una delle poesie che si conservano è la seguente:

L'esaltazione di Enheduanna a Inanna

INNANA E LE ESSENZE DIVINE

Signora di tutte le essenze, piena luce, brava donna

vestito di splendore

che il cielo e la terra ti amano,

amico del tempio di An

indossi grandi ornamenti,

desideri la tiara della sacerdotessa

le cui mani tengono le sette essenze,

li hai scelti e appesi alla tua mano.

Hai raccolto le essenze sacre e le hai messe

stretto sui tuoi seni

INNANA E AN

Come un drago hai ricoperto il suolo di veleno

come il tuono quando ruggisci sulla terra

alberi e piante cadono sul tuo cammino.

Sei un diluvio che discende da

una montagna,

Oh primaria,

Dea lunare del cielo e della terra!

il tuo fuoco soffia e cade

la nostra nazione.

Signora che cavalca una bestia,

Ti dà ancora qualità, ordini sacri

e tu decidi

sei in tutti i nostri grandi riti

Chi ti può capire?

INNANA E ENLIL

Le tempeste ti prestano le ali

distruttore delle nostre terre.

Amato da Enlil, sorvoli la nostra nazione

servi i decreti di An.

Oh mia signora, sento il tuo suono

venerano le colline e le pianure.

Quando siamo davanti a te

terrorizzato, tremante nella tua chiara luce

tempestoso,

riceviamo giustizia

cantiamo, li piangiamo e

piangiamo davanti a te

e noi camminiamo verso di te attraverso un sentiero

dalla casa dei grandi sospiri

INNANA E ISHKUR

Hai sconfitto tutto in battaglia.

Oh mia signora sulle tue ali

tu porti la terra del raccolto e attacchi

mascherato

in una tempesta in attacco,

Ruggisci come una tempesta furiosa

Tuoni e continui a tuonare e sbuffare

con venti malvagi.

I tuoi piedi sono pieni di irrequietezza.

Sulla tua arpa dei sospiri

Ho sentito il tuo canto funebre

INNANA E L'ANUNNA

Oh mia signora, gli Anunna, i grandi

Di Dio,

Sbattendo come pipistrelli davanti a te,

sono volati verso le scogliere.

Non hanno il coraggio di camminare

davanti al tuo terribile sguardo.

Chi può domare il tuo cuore infuriato?

Non minore Dio.

Il tuo cuore malvagio è al di là

temperanza.

Signora, tu vesti i regni della bestia,

ci rendi felici.

La tua furia è al di là del tremito

O figlia maggiore di Suen!

Chi ti ha mai negato

riverenza,

Signora, suprema sulla terra?

INANNA ED EBIH

In montagna dove non sei

venerato

la vegetazione è maledetta.

Hai trasformato il loro

grandi biglietti.

Per te i fiumi sono gonfiati di sangue

e le persone non hanno niente da bere.

L'esercito della montagna sta venendo verso di te

prigioniero

spontaneamente.

Parata di giovani in buona salute

prima di te

spontaneamente.

La città danzante è piena di

tempesta,

guidare giovani uomini

verso di voi, prigionieri.

Altre poesie di donne che dovresti conoscere

Divertiti a leggere poesie scritte da donne

Le donne sono sempre state parte del mondo e, quindi, sono state anche creatrici. Hanno inventato oggetti, hanno realizzato molteplici arti (letteratura, musica, pittura, scultura ...).

Concentrandosi sulla letteratura, la donna ha lasciato un segno nel suo passo. Nella poesia ci sono molti nomi femminili che spiccano, come: Gloria Fuertes, Rosalía de Castro, Gabriela Mistral ...

Ma la verità è che non sono gli unici. Pertanto, qui vi lasciamo altri poesie scritte da donne da scoprire.

«Mi alzo» (Maya Angelou)

Puoi descrivermi nella storia

con bugie contorte,

Puoi trascinarmi nella spazzatura stessa

Tuttavia, come la polvere, mi sveglio.

La mia insolenza ti sconcerta?

Perché cammino come se avessi dei pozzi di petrolio

Pompando nel mio soggiorno.

Proprio come le lune e i soli,

Con la certezza delle maree,

Come le speranze che volano alte

Nonostante tutto, mi alzo.

Mi vorresti vedere distrutto?

Con la testa bassa e gli occhi bassi?

E le spalle si piegarono come lacrime.

Indebolito dalle mie urla piene di sentimento.

La mia arroganza ti offende?

"The Ring" (Emily Dickinson)

Al dito avevo un anello.

La brezza tra gli alberi era sbagliata.

La giornata è stata blu, calda e bellissima.

E ho dormito sull'erba sottile.

Quando mi sono svegliato ho guardato sorpreso

La mia mano pura nel pomeriggio limpido.

L'anello tra il mio dito era sparito.

Quanto ho ora in questo mondo

È un souvenir di colore dorato.

"Millionaires" (Juana de Ibarbourou)

Prendimi la mano. Andiamo alla pioggia

a piedi nudi e poco vestiti, senza ombrello,

con i capelli al vento e il corpo nella carezza

obliquo, rinfrescante e minuscolo, dell'acqua.

Lascia ridere i vicini! Da quando siamo giovani

ed entrambi ci amiamo e ci piace la pioggia,

saremo felici di semplice gioia

di una casa di passeri che si culla sulla strada.

Al di là ci sono i campi e la strada di acacia

e il sontuoso quinto di quel povero signore

milionario e obeso, che con tutto il suo oro,

Non potevo comprarci un'oncia del tesoro

ineffabile e supremo che Dio ci ha dato:

sii flessibile, sii giovane, sii pieno d'amore.

"Il capriccio" (Amparo Amorós)

Voglio essere ancora pronto e viaggiare

in un lussuoso aereo privato

portare il corpo ad abbronzarsi

a Marbella e apparire di notte

alle feste che tirano fuori le riviste

tra nobili, play-boy, belle ragazze e artisti;

sposare un conte anche se è brutto

e dare i miei quadri a un museo.

Ho preso il tempo per andarmene

sulla copertina di Vogue per essere indossata

collane scintillanti con diamanti

nelle scollature più belle.

Altri che stanno peggio l'hanno raggiunto

basato sulla firma di un buon marito:

quelli che sono ricchi e vecchi sono d'accordo

se poi puoi tenerli lontani

per legarti un curdo amorevole

creando così una vicenda scandalosa.

Mama, mama, yet-set I want to be

e da oggi lo ripropongo!

"The Manor Garden" (Sylvia Plath)

Le fontane aride, le rose finiscono.

Incenso di morte. Il tuo giorno sta arrivando.

Le pere ingrassano come i Budda minimi.

Una foschia blu, remora dal lago.

E stai attraversando l'ora del pesce,

i fieri secoli del maiale:

dito, fronte, zampa

sorgono dall'ombra. Feed di storia

quei solchi sconfitti,

quelle corone d'acanto,

e il corvo placa i suoi vestiti.

Erica pelosa che erediti, ape elitre,

due suicidi, lupi penitenti,

ore nere. Stelle dure

che ingiallendo stanno già salendo al cielo.

Il ragno sulla sua corda

il lago attraversa. I vermi

lasciano le loro stanze da sole.

Gli uccellini convergono, convergono

con i loro doni verso confini difficili.

"Autoeutanasia sentimentale" (Gloria Fuertes)

Mi sono tolto di mezzo
per non intralciare
per non gridare
versi più lamentosi.
Ho passato molti giorni senza scrivere,
senza vederti,
senza mangiare ma piangere.

"Lamentarsi della fortuna" (Sor Juana)

Inseguendomi, mondo, cosa ti interessa?
Come ti offendo quando ci provo
metti bellezze nella mia comprensione
e non la mia comprensione nelle bellezze?

Non apprezzo tesori o ricchezze,
e così mi rende sempre più felice
metti ricchezze nella mia intelligenza
della mia intelligenza in ricchezza.

E non valuto la bellezza che è scaduta
È il bottino civile dei secoli
né mi piace la ricchezza fementida,

prendendo per il meglio nelle mie verità
consumare vanità della vita
che consumare la vita in vanità.

"L'amore che tace" (Gabriela Mistral)

Se ti odiassi, il mio odio ti darebbe
a parole, sonore e sicure;
ma ti amo e il mio amore non si fida
a questo discorso di uomini, così oscuro.

Vorresti che si trasformasse in un urlo,
e viene da così profondo che si è disfatto
il suo flusso ardente, svenuto,
prima della gola, prima del petto.

Sono come uno stagno pieno
e ti sembro una fontana inerte.
Tutto per il mio silenzio tormentato
che è più atroce che entrare nella morte!

"La carezza perduta" (Alfonsina Storni)

La carezza senza motivo va dalle mie dita,
mi esce dalle dita ... Nel vento, mentre passa,
la carezza che vaga senza meta né oggetto,
la carezza perduta chi la raccoglierà?

Potrei amare stasera con infinita misericordia,
Potrei amare il primo ad arrivare.
Nessuno viene. Sono solo i sentieri fioriti.
La carezza perduta rotolerà ... rotolerà ...

Se negli occhi ti baciano stanotte, viaggiatore,
se un dolce sospiro scuote i rami,
se una piccola mano preme le dita
che ti prende e ti lascia, che ti raggiunge e se ne va.

Se non vedi quella mano, né quella bocca che si bacia,
se è l'aria che tesse l'illusione del bacio,
oh, viaggiatore, i cui occhi sono come il paradiso,
Nel vento fuso, mi riconoscerai?

"Dicono che le piante non parlano" (Rosalía de Castro)

Dicono che le piante non parlano, né le fontane, né gli uccelli,
Né ondeggia con le sue voci, né con il suo fulgore le stelle,
Lo dicono, ma non è vero, perché sempre quando passo,
Di me mormorano ed esclamano:
- Ecco la donna pazza che sogna
Con l'eterna primavera della vita e dei campi,
E abbastanza presto, abbastanza presto, i tuoi capelli saranno grigi,
E vede, tremante, gelata, che il gelo copre il prato.

"C'è il grigio sulla mia testa, c'è il gelo nei prati,
Ma continuo a sognare, povero sonnambulo incurabile,
Con l'eterna primavera della vita che si è estinta
E la freschezza perenne dei campi e delle anime,
Sebbene alcuni siano appassiti e sebbene altri siano bruciati.

Stelle e fontane e fiori, non mormorare dei miei sogni,
Senza di loro, come ammirarti o come vivere senza di loro?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Ana Maria Serra suddetto

    Ottima la scelta di autori e poesie. Si tratta di viaggiare nel tempo su temi classici dallo sguardo femminile e dalla realtà, sempre attuali, espressi secondo le tecniche di ogni epoca. Congratulazioni.