4 libri per apprezzare il realismo magico

Gabriel García Márquez

Molti di voi potrebbero aver già letto troppi romanzi appartenenti a quella corrente che ha fatto conoscere la magia e l'eredità della letteratura latinoamericana nel resto del mondo negli anni '60. Altri, invece, potrebbero apprezzare alcuni riferimenti nella scelta di nuove storie. lontano da tutto ciò che hai letto prima, in cui il quotidiano e il soprannaturale si fondono in un cocktail irresistibile.

queste 4 libri per apprezzare il realismo magico possono diventare un buon inizio per tutti coloro che decidono di andare alla ricerca delle farfalle gialle.

Cent'anni di solitudine, di Gabriel García Márquez

Cent'anni di solitudine

Il romanzo più famoso del realismo magico, e forse l'America Latina, era la storia della Buendía e di Macondo, la città a cui Gabriel García Márquez ha dato vita in questo classico pubblicato nel 1967. I fantasmi che sciamano tra le case di fango, tu le menzioni farfalle gialle e, soprattutto, le formiche sono alcune componenti chiare del realismo magico che dimorano nelle pagine di questo libro in cui, se ti lasci trasportare (e hai controllato l'albero genealogico tramite Google) ti conquisterà.

La casa degli spiriti, di Isabel Allende

Il primo romanzo dello scrittore cileno è stato un successo, anche grazie al magnetismo di quella trama familiare diffusa su quattro generazioni durante il periodo postcoloniale del Cile. In tutte le pagine del libro, gli spiriti si confrontano con i mortali e gli eventi politici del tempo ci immergono in una magica America Latina non priva di una certa aria da telenovela e persino delle influenze del romanzo in codice. Il romanzo sarebbe stato adattato al cinema nel 1994 e protagonista Jeremy Irons e Meryl Streep.

Pedró Páramo, di Juan Rulfo

pedro-paramo-scene

Fotogramma tratto dall'adattamento cinematografico di Pedro Páramo, uno dei grandi esponenti del realismo magico.

Secondo gli esperti, l'unico romanzo di questo autore messicano è stato il primo ad avviare il movimento del realismo magico. Non mancano alcuni degli elementi cardine del genere: personaggi in un ambiente povero e devastato, la presenza di spiriti, o la rottura del concetto di tempo evocato dalla visita di quel giovane Juan Preciado nella cittadina di Comala, in il deserto di Jalisco, alla ricerca del padre: Pedro Páramo.

Come l'acqua per il cioccolato, di Laura Esquivel

Adattato anche al cinema negli anni '90, questo romanzo del messicano Esquivel pubblicato nel 1989 narra la storia d'amore tra Tita e Pedro durante la rivoluzione messicana, un quadro chiave del realismo magico messicano. Il contributo di questo romanzo sta nell'utilizzo di ingredienti e ricette messicane usate come metafora per raccontare i sentimenti dei personaggi. Come Cent'anni di solitudine, il risultato del libro è uno dei motivi per cui vale la pena lasciarsi sedurre.

queste 4 libri per apprezzare il realismo magico diventano i migliori consigli quando si inizia con un genere adattato da scrittori di altri paesi come Haruki Murakami (Kafka sulla riva) o soprattutto Salman Rushdie (Figli di mezzanotte).

Ti piace il realismo magico? Quali altri consigli vorresti dare?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

6 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   M.Bono suddetto

    Senza dubbio. "Cent'anni di solitudine" è il più magico dei quattro.
    Ma "Pedro Páramo", che ho letto più di otto volte, è un romanzo che mi rapisce e ogni volta che lo leggo trovo varie sfumature che prima non trovavo.

  2.   Antonio Julio Rossello. suddetto

    Ho letto i quattro, quello che mi è piaciuto di più è Cent'anni di solitudine. Desoués come l'acqua per il cioccolato e La casa degli spiriti. Pedro Ppáramo L'ho letto molti anni fa, non ricordo niente. Ha attirato la mia attenzione, perché era molto diverso da tutti i romanzi che mi erano passati tra le mani.

  3.   José Luis Dominguez suddetto

    Manca un romanzo fondamentale per comprendere il realismo magico ed è un romanzo che anticipa cronologicamente i quattro citati, si tratta di "I ricordi del futuro", di Elena Garro, pubblicato nel 1963 e che è passato inosservato a molti lettori e letterati critici.

  4.   Milton argueta suddetto

    Manca "Il Signore Presidente" di Miguel Ángel Asturias (Guatemala) con il quale ha vinto il Premio Nobel per la Letteratura. Per alcuni, l'iniziatore del realismo magico.

  5.   Artù suddetto

    A completare questo fantastico cast, manca "La danza delle lucertole" di David de Juan Marcos, edito da Planeta. Quest'uomo di Salamanca ha catturato l'essenza magica del suo predecessore García Márquez.

  6.   spero melecio suddetto

    Sono un amante di questo genere, ho letto tutti i romanzi sopra citati ma senza dubbio penso che quando Gabo scrisse Cent'anni di solitudine lo fece in modo semplicemente maestoso, superando in questo modo quasi il maestro Juan Rulfo; È il mio modesto parere!