5 consigli per scrivere un racconto

La breve letteratura è sempre esistito. Tuttavia, non è stato fino a questi ultimi anni in cui, grazie ai social network, generi come la micro-storia si sono risvegliati a una nuova età dell'oro. Storie riassunte in uno o due versi che aprono nuove porte alla letteratura giocando con l'immaginazione del lettore. Anche con un'estetica che cerca di ispirare un certo mistero ma, soprattutto, di lasciare un segno. Se applichi anche questi 5 consigli per scrivere un racconto, il trionfo è assicurato.

Sii breve

Come suggerisce il nome, il racconto richiede una brevità molto maggiore rispetto al racconto. Sebbene le misure del genere siano diventate in qualche modo soggettive nel tempo (con storie che si estendono su diversi paragrafi), la natura della micro-storia è quella di raccontare una grande storia con il minor numero di parole possibile.

Racconta una situazione

Dalla tua mente è scappato un pianeta abitato da promesse e illusioni verso la sua estinzione. #LettersofYemh

Un post condiviso da Yineisy Mota (@yemh) su

Il romanzo si caratterizza per allungare un'idea e completarla con altre sottotrame, mentre la storia ricrea una situazione specifica. Se il romanzo racconta la lunga vita di un ragazzo che vuole fare l'astronauta fino a quando non raggiunge la Luna, la storia coprirà il momento in cui arriva, o quando ha deciso di volare verso le stelle. La micro-storia svolge la stessa funzione della storia, ma con ancora meno parole. Riguarda riferire una situazione senza essere così esplicito.

Usa i puntini di sospensione

L'ellissi è una figura retorica che consiste nell'omissione di parole da una scrittura che, di per sé, vengono comprese. Un alleato essenziale quando si tratta di condensare una storia più approfondita in pochi versi. Il racconto usa sottigliezza, mantenere un certo mistero attraverso una narrazione che riassume l'essenza di quella storia, andando direttamente al culmine di essa. Ad esempio, se due personaggi sono tornati e si sono lasciati per una vita per rendersi finalmente conto che si amano, un "Dopo tanto legare e sciogliere, il nodo è diventato più forte" sarà sufficiente. Per esempio.

Gioca con le parole

Potresti voler scrivere una storia sul rancore e trovare difficile trovare le parole in quella storia che lo riassumano. Per questo motivo, o almeno nel mio caso, posso inventare un'immagine, che da sola ispira il resto del contenuto: quale emozione ti ispira quell'immagine? Che storia contiene? Altre volte, una parola può essere sufficiente per attirare gli altri attraverso i quali costruire la scrittura. Ad esempio, "luce" attrae parole come "lucciole", "oscurità", "sole" ... Gioca con tutte, perché prima di tutto, il racconto accoglie sempre metafore.

Un bel titolo

Coprifuoco, di Omar Lara

"Rimani", gli ho detto.

E l'ho toccata.

Trovare il titolo perfetto per il nostro lavoro spesso ci ha richiesto anche più tempo che scrivere la micro-storia stessa. Tuttavia, molte volte il titolo può completare quella storia aggiungendo più valore o, addirittura, completandone il significato. Ad esempio, il meraviglioso "coprifuoco".

Hai il coraggio di comprare una micro-storia con noi?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.