4 scrittori galiziani contemporanei che dovrebbero essere conosciuti

Sto trascorrendo alcuni giorni di vacanza nelle Rías Bajas di Galizia. Ed è già 21 anni. Mi piace tutto di questa terra e, naturalmente, anche la sua letteratura. Quindi, sebbene ce ne siano molti, oggi rivedo 4 dei file scrittori galiziani contemporanei più rappresentativo e di maggior successo. Sono Manuel Rivas, Pedro Feijoó, Manel Loureiro e Francisco Narla.

Pedro Feijoó

(Vigo, 1975). Feijoó si è laureato in filologia galiziana presso l'Università di Santiago de Compostela. Ha esercitato professionalmente come musicista e ha un'intensa carriera come produttore e compositore. Il suo primo romanzo, di genere nero e ambientato a Vigo e all'estuario di Pontevedra, Figli del mare (Os fillos do mar), è stato finalista per il Premio Xerais Novel 2011 ed è stato un fenomeno letterario in Galizia.

Il suo prossimo romanzo è Figli del fuoco, dove recupera i caratteri dal precedente.

Manel Loureiro

(Pontevedra, 1975)

Scrittore e avvocato, presentatore di Galicia Television e sceneggiatore. Attualmente collabora con Diario de Pontevedra e ABC. È anche un collaboratore regolare di Cadena SER. Il suo primo romanzo, Apocalisse Z: l'inizio della fine, un horror thriller, nasce come un blog Internet che l'autore scriveva nel tempo libero. Visto il suo successo, è stato pubblicato nel 2007 ed è diventato un best seller.

I suoi prossimi romanzi, I giorni bui y L'ira dei giustis, erano una continuazione del primo. Ma il successo definitivo gli è arrivato nel 2013 con L'ultimo passeggero, romanzo dell'orrore con una nave fantasma molto inquietante come personaggio principale.

Nel 2015 pubblicò Bagliore, un altro romanzo con tinte nere e horror con una protagonista che subisce uno strano incidente stradale che la lascia in coma. Dopo alcune settimane, e dopo una guarigione miracolosa, tutto è cambiato completamente e qualcuno ha iniziato a pedinare la sua casa e la sua famiglia. Inoltre, è rimasto con una conseguenza ossessionante che non può controllare.

Il lavoro di Loureiro è stato tradotto in più di dieci lingue e pubblicato in una ventina di paesi.

Manuel Rivas

(La Coruña, 1957). È il nome della storia più lunga e di maggior successo. est scrittore, poeta, saggista e giornalista Il galiziano scrive anche articoli per El País. È anche socio fondatore di Greenpeace in Spagna e membro della Royal Galician Academy.

Firma titoli come raccolte di racconti Un milione di mucche (1989), che ha vinto il Premio della critica per la narrativa galiziana. O Cosa mi vuoi, amore? che include la storia La lingua delle farfalle, che il regista José Luis Cuerda ha portato al cinema. Rope ha anche realizzato l'omonimo film di Tutto è silenzio, un romanzo nero come la pece pubblicato nel 2010.

Il suo ultimo lavoro, del 2015, è L'ultimo giorno di Terranova, romanzo che racconta la traiettoria spagnola dal dopoguerra e il passaggio a partire da una libreria di La Coruña, minacciata dalla chiusura.

Francisco Narla

(Lugo, 1978)

Un altro nome più che conosciuto. est scrittore e comandante di linea aerea ha pubblicato romanzi, racconti, poesie, saggi e articoli. Come docente, ha partecipato a diversi forum, come centri universitari e programmi radiofonici e televisivi.

Molto versatile, i suoi hobby includono la cucina, la pesca a mosca, i bonsai e la moda. Promuove anche progetti culturali come Lendaria, destinato a recuperare, proteggere e diffondere la magica tradizione della Galizia.

Nel 2009 ha pubblicato il suo primo romanzo, I lupi del segale. Nel 2010 è stato scatola nero, che è stato ristampato nel 2015. Nel 2012 ha sorpreso con  Assicurare, un titolo storico che ha conquistato pubblico e critica, essendo uno dei libri più venduti. Le avventure, le vicissitudini ei viaggi dell'orfano Assur, cresciuto e istruito tra cavalieri e vichinghi, sono un'ottima lettura per questa estate.

Nel 2013 ne ha pubblicato un altro storico, Ronin, che lo ha stabilito come uno degli scrittori più versatili e talentuosi di questo genere nel nostro paese. Dove ululano le colline è la sua ultima opera storica, con un enorme e straordinario lupo come protagonista in un racconto di caccia e vendetta ambientato al tempo di Giulio Cesare. Ovviamente è diventato di nuovo un altro successo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   loveread24 suddetto

    Trovo ognuno di loro molto interessante.