4 grandi scrittori nati il ​​26 luglio. Shaw, Machado, Huxley e Matute

Non ci sono molti giorni nel calendario in cui devi celebrare così tanti anniversari di nascita di scrittori. Ma 26 luglio È uno. Oggi condividono i compleanni quattro grandi autori, un irlandese, un inglese e due spagnoli, con carriere più che brillanti e riconosciute. Sono GGeorge Bernard Shaw, Aldous Huxley Antonio Machado e Ana María Matute. In sua memoria ne seleziono alcuni frasi proprie e le sue opere per ricordarli.

26 luglio

George Bernard Shaw

Shaw è nato a Irlanda en 1856. È l'unico autore che ha vinto il Premio Nobel per la letteratura nel 1925 e Oscar della Film Academy per la migliore sceneggiatura per Pigmalione in 1938.

  • La vita non è trovare te stesso. La vita cerca di creare te stesso.
  • Impariamo dall'esperienza che gli uomini non imparano mai nulla dall'esperienza.
  • La giovinezza è sprecata con i giovani.
  • Libertà significa responsabilità. Questo è il motivo per cui la maggior parte degli uomini lo teme.
  • L'uomo non smette di giocare perché invecchia. Invecchia perché smette di giocare.

Antonio Machado

Antonio Machado è nato il 26 luglio, 1875 en Sevilla. Tra i membri più rappresentativi del bando Generazione di 98, il suo lavoro è uno dei più riconosciuti e apprezzati. Al di sopra di una grande eredità di versi imperituri, spiccano le sue opere Solitudini o Campi di Castiglia.

Ho scelto questa poesia soprattutto perché fa parte di il mio primo ricordo poetico. Nella casa di campagna di mio nonno a pergamena su un telaio di legno. Lo leggevo più e più volte e poi guardavo con curiosità gli olmi nel giardino esterno, ed ero contento che nessuno di loro fosse asciutto.

A un olmo secco

Al vecchio olmo, diviso da un fulmine
e nella sua metà marcia,
con le piogge di aprile e il sole di maggio
sono spuntate delle foglie verdi.

L'olmo centenario sulla collina
che lecca il Duero! Un muschio giallastro
macchia la corteccia biancastra
al tronco marcio e polveroso.

Non sarà, come i pioppi che cantano
che custodiscono la strada e la riva,
abitato da usignoli marroni.

Esercito di formiche in fila
lo sta salendo e nelle sue viscere
i ragni tessono le loro ragnatele grigie.

Prima che ti abbatta, Olmo Duero,
con la sua ascia il taglialegna e il falegname
Ti trasformo nella criniera di una campana
lancia del carro o giogo del carro;
prima del rosso in casa, domani,
bruciare da qualche misera capanna,
ai margini di una strada;
prima che un turbine ti abbatta
e recidere il respiro dei monti bianchi;
prima che il fiume ti spinga al mare
attraverso valli e burroni,
olmo, voglio annotare nel mio portafoglio
la grazia del tuo ramo verde.
Il mio cuore aspetta
inoltre, verso la luce e verso la vita,
un altro miracolo della primavera.

Aldous Huxley

Huxley è nato a 1894, nel Surrey, in una famiglia con un'importante tradizione intellettuale. Ha studiato a Eton e, nonostante la sofferenza un giovanissimo malattia grave che lo ha lasciato cieco per 18 mesi, è riuscito a riprendersi, ma invece di studiare medicina ha finito per diplomarsi letteratura inglese. Ha scritto un primo libro sulla sua esperienza per riacquistare la visione, L'arte di vedere.

Ma senza dubbio la sua opera grande e influente conosciuta in tutto il mondo è la distopia Un mondo felice, scritto in 4 mesi nel 1932. A visione futuristica e pessimistica del mondo, dove mostra una società governata da condizionamenti psicologici e dove una sostanza chiamata soma è usata per scopi totalitari.

  • Il Parlamento, ammesso che tu sappia di cosa si tratta, ha approvato una legge che lo vieta. I file vengono conservati. C'erano discorsi sulla libertà, su di essa. Libertà di essere coscienti e miserabili. Libertà di essere un piolo rotondo in un buco quadrato.
  • La vera felicità appare sempre scarna rispetto alle compensazioni che offre la miseria. E, naturalmente, la stabilità non è così spettacolare come l'instabilità. E l'accontentarsi di tutto non ha l'incanto di una buona lotta contro la sfortuna, né la pittoresca lotta contro la tentazione o contro una passione o un dubbio fatali. La felicità non è mai grande.
  • Il condizionamento per la morte inizia a diciotto mesi. Ogni bambino trascorre due mattine ogni settimana in un ospedale per moribondi. In questi ospedali trovano i migliori giocattoli e nei giorni della morte gli viene dato un gelato al cioccolato. Così imparano ad accettare la morte come qualcosa di completamente ordinario.
  • Si decise di abolire l'amore per la Natura, almeno tra le caste inferiori; abolire l'amore per la natura, ma non la tendenza a consumare i mezzi di trasporto. Perché ovviamente era essenziale che continuassero a voler andare nel paese, anche se lo odiavano. Il problema era trovare una ragione economica più potente per consumare i trasporti rispetto alla mera passione per le primule e i paesaggi. E l'hanno trovato.
  • Ma non voglio il conforto. Voglio Dio, voglio la poesia, voglio il vero rischio, voglio la libertà, voglio la bontà. Voglio il peccato.

Ana Maria Matute

Ana María Matute è nata a 1926 ed è uno degli autori spagnoli più prestigiosi. Era membro della Royal Spanish Academy e ha scritto romanzi per adulti e bambini. Vincitore di molti premi come Nadal, la Pianeta, i critici o la letteratura nazionale.

  1. L'infanzia è il periodo più lungo della vita.
  2. Don Chisciotte È il primo libro con cui ho pianto, con la morte di don Chisciotte, per tutto ciò che significa: far sparire la follia. È terribile. Il trionfo del buon senso.
  3. Scrivere per me non è una professione, nemmeno una vocazione. È un modo di essere nel mondo, di essere, non puoi fare altrimenti. Sei uno scrittore. Bene o male, questa è un'altra domanda.
  4. Non ho mai lasciato andare la mia infanzia, e questo la paga a caro prezzo. L'innocenza è un lusso che non ci si può permettere e dal quale vogliono svegliarti con uno schiaffo.
  5. Parlare di quello che si scrive è come stappare una bottiglia di profumo prezioso: l'aroma evapora. Devi tenerlo chiuso e scrivere, è il migliore.

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.