21 marzo: Giornata mondiale della poesia

Oggi, 21 marzo, il Giornata mondiale della poesia ma sai come è iniziato tutto? Sapevi che prima era considerata solo la poesia quella formazione letteraria in cui oltre a essere scritta in versi, c'era la rima? Oggi possiamo godere di molti tipi diversi di poesia, ma come per molte altre cose, non è sempre stato così.

Analizzando la poesia

La poesia è letteratura in versi e ha una serie di caratteristiche che la differenziano notevolmente dal linguaggio comune e colloquiale. Le sue caratteristiche sono le seguenti:

  • La layout grafico e interruzioni: La poesia è scritta in una serie di unità chiamate versi. Ognuno di questi versi occupa una riga indipendente e alla fine di ogni verso c'è una pausa che deve essere fatta durante la lettura
  • El Ritmo: La musicalità gioca un ruolo fondamentale nella poesia. Chiameremo questo ritmo. Questa sensazione musicale nel verso si basa sulla ripetizione di vari elementi che costituiscono il metro della poesia. I più importanti sono: misura di versi, accento e rima.

Misura dei versi

I poeti spesso si assicurano che le linee nelle loro poesie abbiano un certo numero di sillabe. La ripetizione di questo sistema di sillabe crea una certa composizione ritmica che porta un po 'di musicalità al testo quando viene letto.

L'accento

Anche la ripetizione dell'accento fonico sulle stesse sillabe in ogni verso crea un'impressione ritmica. Non è necessario che venga ripetuto in ogni verso affinché si manifesti la musicalità.

Rima

Chiamiamo rima la ripetizione di suoni alla fine di due o più versi. Se questa ripetizione influisce su tutti i suoni dell'ultima vocale accentata del verso, la rima è consonante. Se interessa solo le vocali e non le consonanti, la rima è assonante.

D'altra parte, cosa sono quelle lettere che sono poste accanto a ogni versetto? Quelle lettere vengono inserite quando analizzeremo il sistema metrico di una poesia e verranno inserite solo nei versi che fanno rima. La lettera è minuscola quando il verso ha 8 sillabe in meno. Sarà quindi maiuscolo quando avrà 9 o più sillabe. In quei versi che non fanno rima, verrà posta una riga.

La maggior parte delle poesie attuali hanno rime libere, ma in precedenza tutte o quasi tutte le poesie scritte in rima in alcuni dei loro versi. Ciò ha aggiunto un ulteriore grado di difficoltà alla creazione letteraria, poiché il poeta ha dovuto trovare parole in rima e adattarle alla sua composizione.

Libri di poesie consigliati

In occasione della Giornata mondiale della poesia vogliamo cogliere l'occasione per consigliarvi alcuni libri di poesia che potrebbero piacerti. Attualmente, non sono apprezzati tanto quanto i romanzi e altri scritti in prosa, ma né la loro qualità è inferiore né la loro creazione è più facile ...

  • Qualsiasi libro di poesie da cui puoi leggere Mario Benedetti, Pablo Neruda, Bécquer, Juan Ramón Jiménez, Federico García Lorca, César Vallejo, Gabriela Mistral o Jaime Gil de Biedma, sono super consigliati da noi. Sono dei classici quindi è bello perdersi ad un certo punto della vita.
  • "Amore e disgusto" de Miss Bebi: Se sei giovane e ti piace la poesia, questo libro potrebbe piacerti molto. È curato dalle edizioni Frida e ha 202 pagine. Argomenti come il femminismo, la giovinezza, i pregiudizi, ecc. Sono sistemati tra il verso e il verso.
  • "La triste storia del tuo corpo sul mio" de Marwan: Questo è un libro che parla di "territori affettivi" e "territori sociali", desiderio di migliorare e desiderio carnale, difficoltà di avere verità e comprensione tra due e, per estensione, giustizia sociale tristemente lontana. Un libro altamente raccomandato se vuoi goderti la poesia buona e attuale.
  • "Il silenzio delle bestie" de Unai Velasco: L'autore ha ottenuto il Premio nazionale per la giovane poesia e riguardo a lui, la giuria ha detto quanto segue: "Un libro innovativo, che scommette su una poesia critica in cui l'ironia non è in contrasto con note d'avanguardia e con solidi riferimenti culturali e letterari".

Selezione di due poesie

È difficile scrivere un articolo dedicato alla Giornata mondiale della poesia e non scrivere la strana poesia in quanto tale. Vi lascio con due che amo:

Possibile che non ti conoscessi
vicino a me, perso negli sguardi?

Gli occhi mi dolevano per l'attesa.
Sei passato.

Se appare allora
mi avresti rivelato
il vero paese in cui hai vissuto!

Ma sei passato
come un Dio distrutto.

Da solo, più tardi, uscì dal nero
Il tuo aspetto.

(Jaime Gil de Biedma)

Abbattono i giganti delle foreste per fare un dormiente,
abbattono gli istinti come fiori,
desideri come stelle
per fare solo un uomo con il suo marchio di uomo.

Che demoliscono anche imperi di una notte,
monarchie di un bacio,
non significa nulla;
che abbattono gli occhi, abbattono le mani come statue
vuoto.

Ma questo amore si è chiuso per vedere solo la sua forma,
la sua forma tra le nebbie scarlatte,
vuole imporre la vita, come l'autunno che sale a tanti
fogliame
verso l'ultimo cielo,
dove stelle
le loro labbra danno altre stelle,
dove i miei occhi, questi occhi,
si svegliano in un altro.

(Luis Cernuda)

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.