100 anni dalla fine della prima guerra mondiale. 7 libri per ricordarla.

Sarà acceso Novembre, ma sono già in vista dell'anniversario di fine della prima guerra mondiale o della grande guerra. Il suo 100 anni già. E per quelli di noi che sono fan di questi periodi bellicosi del secolo scorso, è una data senza dubbio significativa. Ci sono infiniti libri, saggi, biografie e altro materiale pubblicato su questo terribile episodio dell'Umanità che, purtroppo, ha avuto un seguito quasi più spaventoso. Questo è la mia umile selezione di 7 letture di quella tragedia. 

La bellezza e il dolore della battaglia - Peter Englund

Ho questo libro e quello di Vita e destino di Vasili Grossman. Sono altrettanto forti, strazianti, eccitanti e toccanti. Ed entrambi lo sono basato su testimonianze, diari, lettere e foto di una manciata di persone di sesso, nazionalità e ruoli diversi che hanno assistito a quelle barbarie.

Ad est dallo scrittore, storico e studioso Svedese Peter Englund è composto da brevi pennellate, pezzi di emozioni ogni giorno circa 20 di loro (artiglieri, ingegneri, medici, infermieri, autisti) durante la Grande Guerra. C'è anche 60 foto e illustrazioni che accompagnano i testi suddivisi in anni e giorni. Forse per me uno dei migliori libri che ho letto sull'argomento.

Nessuna notizia al fronte - Eric Maria Remarque

Questo è un classico del genere come il precedente e meglio conosciuto senza dubbio. Erich Maria Remarque è il pseudonimo dello scrittore tedesco Osservazione di Erich Paul, che ha anche partecipato al conflitto. Pubblicato nel 1929, era il suo ritratto di lui e delle sue conseguenze dal punto di vista di a giovane soldato tedesco 21 anni nella vita di tutti i giorni al fronte.

Sono stati fatti due versioni cinematografiche. Uno in 1930, che ha vinto il Oscar per il miglior film e miglior regista per Lewis Milestone. E un altro in 1979 per la televisione che ha diretto Delbert mann e cosa ha fatto il Golden Globe nella sua categoria l'anno successivo.

Addio alle armi - Ernest Hemingway

È forse una delle opere più acclamate di Ernest Hemingway ed è stato ispirato dalle loro esperienze. Per me è sicuramente un classico della letteratura mondiale. È forse più conosciuta per le sue versioni al cinema che per la sua lettura. Anche così, questo storia d'amore tra un'infermiera e un giovane soldato L'idealista nell'Italia della prima guerra mondiale è indimenticabile.

Il tenente americano Frederic Henry, un autista di ambulanze, è spensierato e festoso, ma tutto cambia quando si incontra Catherine Barkley, una bellissima infermiera britannica. E all'inizio il tenente non vuole altro che un semplice flirt fino a quando non si trasforma in passione. Ma la guerra lo separa e rompe tutto. E quando entrambi dovranno farlo, Frederic capirà cosa conta davvero.

Le sue versioni al cinema sono quella di 1932, un gioiello del cinema in bianco e nero, con Gary Cooper e Helen Hayes come protagonisti. Più tardi in 1957, ce n'era un altro in cui hanno recitato Rock Hudson e Jennifer Jones. Tengo il primo.

Sentieri della gloria - Humphrey Cobb

Di nuovo il cinema e uno dei suoi geni così com'era Stanley Kubrick ha creato un capolavoro di questo romanzo scritto dall'americano Humphrey” e pubblicato in 1935. Cobb è stato uno dei primi volontari americani ad andare sul fronte occidentale. Ha partecipato alla battaglia di Amiens, dove è stato ferito. E nel libro puoi trovare estratti dal diario di Cobb (aveva 17 anni all'epoca) che scrisse sul davanti.

Ma come opera letteraria è passata inosservata. Fu Kubrick a leggerlo da giovanissimo ed era il 1957 quando, supportato da United Artists e dall'attore Kirk Douglas, potrebbe trasformarlo in un file impareggiabile classico del cinema di guerra.

Il tuo messaggio in entrambi i casi non può essere più antimilitarista e informatore di ingiustizie e le assurdità commesse in quel conflitto. Ambientato in una guerra di trincea, la storia, che è basato su eventi reali, narra il esecuzione (punizione ingiusta per il fallimento di un attacco suicida contro i tedeschi), per insubordinazione e codardia, per quattro soldati del 181 reggimento del fronte dell'esercito francese.

La prima guerra mondiale raccontata agli scettici - Juan Eslava Galán

Eslava Galán è una voce più che autorevole su questioni storiche. Lo dimostrano i suoi vari libri su diversi episodi di guerra di tutti i tempi. In questo lavoro parla di quali progressi tecnologici come la mitragliatrice, il carro armato o il sottomarino hanno comportato e di personaggi come Mata Hari, il barone rosso o Rasputin.

La sua lettura include anche il viaggiare, The hobby della truppa, il usanze dei bordelli e dei giochi di spie, così come altre storie anonime o di coloro che in seguito sono diventati nomi rilevanti che hanno vissuto quell'esperienza.

La caduta dei giganti - Ken Follet

Follet è stato spedito in grande stile nel suo Trilogia del secolo che inizia con questo titolo, forse il migliore dei tre. Epico, amore, tragedie, passioni, odio, tradimento e tutto l'armamentario e l'esposizione dei personaggi che sono il marchio di fabbrica di questo immensamente famoso scrittore gallese.

Conosciamo il cinque famiglie diversi (nordamericani, tedeschi, russi, inglesi e gallesi) di personaggi i cui destini seguiremo in tutto il mondo e per tutto il secolo. In questo primo libro, ovviamente, si tratta della prima guerra mondiale, della rivoluzione russa e delle prime lotte per i diritti delle donne. E tutti si conosceranno e si mescoleranno in un ambiente che vale la pena scoprire.

L'aereo rosso - Manfred von Richthofen

E finalmente mi resta uno dei protagonisti più famosi e leggendari della prima guerra mondiale. Perché è impossibile non conoscere Manfred von Richthofen, o il Barone Rosso già per l'eterno mito.

Richthofen e la sua chiamata "Flying Circus" navigava e dominava l'aria a bordo di alcuni degli aerei da combattimento più letali dell'epoca, il Albatros e Fokker. Li hanno dipinti da colori sorprendenti per provocare il nemico. Richthofen lo era ferito da un proiettile nella sua testa nel luglio 1917 e nella sua guarigione scrisse il cronaca autobiografica cos'è questo libro. In esso troviamo da storie di addestramento, avventure aeree e, anche descrizioni dettagliate della meccanica di quegli aerei. E ovviamente testimonianze come queste:

A cento metri di quota, il mio avversario ha cercato di volare a zig-zag per ostruire il mio bersaglio. Poi si è presentata la mia opportunità. Lo molestavo fino a cinquanta metri, sparandogli incessantemente. L'inglese sarebbe caduto senza speranza. Per riuscirci ho quasi dovuto spendere un'intera rivista.

Il mio nemico si è schiantato al limite delle nostre linee con un colpo alla testa. La sua mitragliatrice è conficcata nel terreno e oggi decora l'ingresso di casa mia.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.