10 miti sugli scrittori che sono veri (e falsi)

Quando ero piccolo e dicevo a un parente che da grande volevo fare lo scrittore, la risposta, ridendo, era "Quelli vengono pagati solo quando muoiono, come i pittori". E così, a poco a poco, gli artisti crescono con il pregiudizio che scrivere vada bene, ma se sei un medico, un avvocato o un banchiere, molto meglio, che a grandi linee può essere più pratico ma non l'unica opzione. Questo è uno dei tanti temi dello scrittore del XXI secolo con cui sicuramente più di uno di voi ad un certo punto si sarà identificato. Con questo e altri 10 miti di scrittori che sono veri. . . e falso.

Veri miti

L'attività dello scrittore è solitaria

Se sei una persona che di solito non interagisce con altri scrittori, forse nessuno ti capirà al di là della tipica domanda "Pubblicherai qualcosa di nuovo?"; E ora, soprattutto perché il mondo continua a considerare la scrittura più come un hobby che come un compito importante se non hai ancora pubblicato nulla. Allo stesso tempo, sembra esserci una certa sfiducia da parte dello scrittore quando si tratta di condividere le sue idee, di lasciare che qualcuno o qualcos'altro si frapponga tra lui e quel mondo parallelo in costruzione in cui solo lui vive. Lo diceva già Gabo: «Credo davvero che nell'opera letteraria si sia sempre soli, come un naufrago in mezzo al mare. Sì, è il lavoro più solitario del mondo. Nessuno può aiutarti a scrivere quello che stai scrivendo. '

La lettura aiuta sempre

Lo scrittore può avere la capacità di creare, ma avrà sempre bisogno di leggere altri autori per coltivare il suo stile, sperimentare e, in definitiva, essere in grado di catturare quella grande idea nel miglior modo possibile. La lettura non ti rende uno scrittore migliore, ma aiuta.

La scrittura è una questione di pratica

Le idee possono essere altrettanto fresche nei nostri vent'anni come lo sono nei nostri cinquant'anni, ma la pratica è il fattore che determinerà il modo in cui impareremo a svilupparle e realizzare il loro pieno potenziale; un livello che si raggiunge praticando, rileggendo, correggendo e assumendosi dei rischi.

Falsi miti

Vivere di scrittura è impossibile

Vent'anni fa non c'erano blog, né c'erano piattaforme di autopubblicazione e molte altre strutture per esprimere le tue idee al mondo. D'altronde oggi le cose sono diverse, soprattutto perché ognuno può farsi da solo grazie a un blog di letteratura, un libro auto-pubblicato o sì, attraverso un'opera pubblicata da un editore. Perché sebbene le etichette editoriali siano solitamente filtri troppo nitidi, cercheranno sempre nuove idee, organizzeranno concorsi e, infine, saranno in grado di consentirti guadagnarsi da vivere scrivendo se il libro li convince (e vende, ovviamente). Forse non ci sono tanti scrittori che vivono solo di esso come vorremmo, ma impossibile, ciò che si dice impossibile, non lo è.

Solo gli scrittori professionisti hanno talento

Il motivo per cui un libro vende molto è un fattore in cui a volte è coinvolto molto marketing. Su Amazon, ad esempio, possiamo vedere ottimi best seller con 50 opinioni negative e 20 positive che vengono ancora lette perché suscitano dibattito o sono arrivate al momento giusto spinte da una tendenza editoriale o X letteraria. Tuttavia, questo fattore è spesso molto lontano dalla qualità di un'opera stessa, con molti scrittori "alle prime armi" che possono scrivere storie altrettanto competenti di quelle di questi scrittori più esperti.

L'autopubblicazione è un'alternativa più semplice

Quando scopri per la prima volta piattaforme di autopubblicazione come KDP o Bubok di Amazon  I tuoi occhi sono aperti ancora di più: per poter pubblicare il mio romanzo da solo. . . e farlo avere successo !? In teoria l'idea è ottima, ma in pratica l'autopubblicazione ha un piccolo grande dettaglio che un autore non avrebbe se pubblicasse il suo lavoro con un editore: devi occuparti della copertina, della correzione, delle conversioni in epub, mobi e altri formati che non conoscevamo o che esistevano, per pubblicarlo, per diffonderlo, per interagire con i lettori, per bussare alle porte di blog letterari e un lungo eccetera di fattori che devi tenere in considerazione prima di lanciarti in un pool che, d'altra parte, può darti anche tante gioie.

Siamo tutti ubriachi

Ammetto che durante qualche notte di scrittura un bicchiere di vino si è intrufolato sulla scrivania, ma non per questo motivo dormiamo tutti in letti circondati da bottiglie di Rioja vuote né fumiamo una pipa da oppio per invitare l'ispirazione. Il mito dello scrittore bohémien a volte può riflettersi nel suo pensiero, ma non sempre nel suo modo di recitare o in quell'universo che ci hanno venduto film come Moulin Rouge. Molti scrittori si prendono cura anche di se stessi, vanno a pattinare con i figli la domenica e svolgono altri lavori parallelamente alla loro attività, conducendo una vita totalmente ordinata e pulita.

Tutti possono scrivere

Se ci mettiamo così, sì, tutti possono scrivere, ma quando si tratta di fare una storia o un romanzo le cose non sono così semplici. Naturalmente, molte persone che non hanno mai pensato di scrivere iniziano con un romanzo che potrebbe piacere alla loro famiglia, ai loro amici e al loro ragazzo, ma la cui qualità ovviamente non è quella prevista. Scrivi un buon libro prospera su molti fattori e metterli insieme non è così facile.

Lo scrittore e le sue muse

Il mito più bohémien di qualsiasi scrittore risiede nella presenza delle sue muse, di quelle donne (o uomini?) Che non fanno altro che volteggiare intorno a noi per offrirci una ventata di creatività. Tuttavia, la realtà è ben diversa: nessuna musa ci aspetta quando torniamo a casa o ci sussurra all'orecchio cosa dovremmo fare. Piuttosto, ci sono luoghi, situazioni e persone nella vita di tutti i giorni che possono ispirarci.

E l'eterno dubbio

Lo scrittore è nato o creato?

Ci sono centinaia di opinioni su quella che è una delle grandi domande nei circoli letterari. Secondo me lo scrittore è nato, anche se non ha bisogno di rendersi conto fin dal primo momento delle sue capacità. Alcuni nascono con un dono che sfruttano in tenera età, mentre altri hanno bisogno di esplorare la cultura, leggere libri o osare dedicare del tempo per testare "come si svolge questa storia" per rendersi conto che la passione era stata a lungo sopita. Ma come ho detto, tutti hanno un'opinione su questo e non si può mai dare nulla per scontato quando si tratta di questioni professionali.

Discutiamo?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

3 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Cayetano Martin suddetto

    Lo scrittore è nato e creato, entrambe le circostanze devono essere soddisfatte

  2.   Simon suddetto

    Ottimo articolo, ma l'unica cosa con cui non sono d'accordo è che lo scrittore è nato perché credo che i doni si ottengano con il lavoro, con la fatica e con il desiderio, non so che il cliché così banale dice: Dalla nascita.

  3.   FRANCESCO MARINO suddetto

    Dal mio punto di vista, lo scrittore è fatto, nell'infanzia o più tardi. Lo scrittore deve prima essere un lettore e poi lavorarci sopra. Ti auguro il meglio