"The pazos de Ulloa" di Emilia Pardo Bazán

Ieri vi ramintemu stu maravigliosu scrittore, Emilia Pardo Bazan. Avemu purtatu un pocu di a so vita è di u so travagliu, tramindui riassunti in breve, è vi avemu lasciatu dece di e so frasi più famose. Oghje, vulemu analizà, ancu di manera breve è divertente, unu di i so rumanzi i più famosi: "I pazzi di Ulloa".

Se vulete sapè di cosa si tratta stu libru è leghje un picculu estrattu da ellu, pigliate un caffè o tè è godite stu articulu cun noi.

"The pazos de Ulloa" (1886)

Stu libru scrittu in u 1886 descrive a storia di Don Petru Moscoso, Marchese d'Ulloa, chì stà isolatu in l'ambiente brutalizatu di i so pazos, u duminiu di i so servitori. Cù Sabel, figliola di u so servitore Primitivo, u marchese hà un discendente bastardu, ch'elli chjamanu Perucho. Quandu Julián, u novu cappellanu, ghjunghje à u pazo, insiste à u marchese per truvà una moglia adatta, allora si marita cù u so cuginu Nucha, ciò chì ùn li impedirà micca di succorsu à l'amore illecitu di u so servitore.

In questu frammentu chì avemu messu quì sottu, si pò vede l'interessu per u sordidu, tipicu di u Naturalisimu (derivazione di u Rialisimu) di l'epica:

«E pupille di u pesce anghjulu eranu spumanti; e so guance sparavanu, è dilatava u classicu nasu chjucu cù a nucenza lussuria di Bacu da zitellu. L'abbate, fendu un ochju cù l'ochju sinistro maliziosamente, li versò un altru bichjeru, ch'ellu pigliò cù duie mani è si ne falò senza perde una goccia; sbuttò subitu à a risa; è, prima di finisce u rotulu di a so risata bacchica, calò a testa, assai sculurita, nantu à u pettu di u marchese.

-A vidite? gridò Ghjulianu in angoscia. Hè troppu chjucu per beie cusì, è hà da ammalassi. Queste cose ùn sò micca per e creature.

-Bà! Primitivo hè intervenutu. Pensate chì u rapace ùn pò micca cù ciò chì hà in ellu? Cù què è cù listessu! È sì ùn vidite micca.

[...]

-Cumu và? Li dumandò Primitivu. Site in umore per un altru soldu tostatu?

Perucho si girò versu a buttiglia è po, cum’è istintivamente, scuzzulò a testa innò, scuzzulendu a pelle di pecura spessa da i so ricci. Ùn era micca un Primitivu à rinuncià cusì faciule: hà intarratu a manu in a stacca di i pantaloni è hà tiratu una muneta di ramu.

"In questu modu ..." grugnì l'abbate.

"Ùn siate micca barbari, Primitivu", murmurò u marchese trà piacevule è grave.

- Per Diu è per a Vergine! Ghjulianu implorò. Anu da tumbà quella criatura! Omu, ùn insistite micca à imbriacà u zitellu: hè un peccatu, un peccatu grande cum'è qualsiasi altru. Ùn pudete micca testimone di certe cose!

Primitivo, ancu in piedi, ma senza lascià andà à Perucho, fighjò u cappellanu fretu è astuziu, cù u disprezzu di i tenaci per i quali si esaltanu per un mumentu. E mettendu a muneta di ramu in manu di u zitellu è trà e so labbre a buttiglia di vinu scuperta è sempre versata, a piegò, a mantene cusì finu chì tuttu u liquore passessi in u stomacu di Perucho. Cù a buttiglia cacciata, l'ochji di u zitellu chjosi, i so bracci afflitti, è micca più decolorati, ma cù a pallore di a morte in faccia, seria falatu intornu à u tavulinu, se Primitivo ùn l'avia sustenutu ».


U cuntenutu di l'articulu aderisce à i nostri principii di etica edituriale. Per signalà un errore cliccate quì.

Sianu the first to comment

Lasciate u vostru cummentariu

U vostru indirizzu email ùn esse publicatu. campi, nicissarii sò marcati cù *

*

*

  1. Responsabile di i dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopu di i dati: Cuntrolla SPAM, gestione di cumenti.
  3. Legitimazione: U vostru accunsentu
  4. Cumunicazione di i dati: I dati ùn seranu micca cumunicati à terzi, eccettu per obbligazione legale.
  5. Archiviazione di dati: Base di dati ospitata da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: In ogni mumentu pudete limità, recuperà è cancellà e vostre informazioni.