Opere di Garcilaso de la Vega

Citazione di Garcilaso de la Vega

Citazione di Garcilaso de la Vega

U travagliu di Garcilaso de la Vega hè cunsideratu essenziale in e forme espressive di a puesia rinascimentale in lingua spagnola. In fatti, u pueta di Toledo hè ricunnisciutu com'è unu di i pionieri di a puesia durante l'età d'oru spagnola. Tuttavia, ùn hà mai vistu alcuna di e so creazioni scritte publicate in a so vita.

Era u so grande amicu Juan Boscán (1487 - 1542) chì hà cumpilatu a pruduzzione puetica di Garcilaso è u publicò (post-mortem) inseme à parechji di i so puesii in u 1543. Tandu, in u 1569, un stampatore di Salamanca pubblicò individualmente l’opera di u cumpusitore toledano. Più tardi in u stessu seculu, altri puemi — inediti à l’epica — sò stati inseriti in u catalogu di u pueta spagnolu cunnisciutu oghje.

L'opere di Garcilaso de la Vega

Prima publicazione di i so puesii

Fattu trà u 1526 è u 1535, U picculu travagliu cunservatu finu à oghje da Garcilaso apparsu per a prima volta in L'opere di Boscán cun alcune di Garcilaso de la Vega (1543). Tuttavia, certi stòrici affirmanu ch'ellu hà prubabilmente scrittu testi tradiziunali è divintò un pueta ben cunnisciutu trà e corti castigliane durante a so ghjuventù.

In ogni caso, Juan Boscán hè statu chjave per l'adattazione di u versi endecasyllab (italic) à a cumpusizioni metrica castigliana di Garcilaso.. L'ultime hà adattatu squisitamente a struttura idiomatica di u castiglianu à l'accentu talianu. In listessa manera, incorporò i cuntenuti puetici neoplatoni tipici di a puesia Tana di u Rinascimentu.

Ispirazione e influenze

Boscán era ancu impurtante per l'apprezzazione di Garcilaso di a puesia di u cavaliere valencianu Ausiàs March. Una altra figura impurtante in a vita di u cumpusitore spagnolu era Petru di Toledo, chì diventò Vicerè di Napuli. Di sicuru, i dui soggiorni di Garcilaso (1522-23 è 1533) in a cità miridiunali d'Italia marcanu l'incorporazione di e caratteristiche petrarchene in a so puesia.

In u 1526, u pueta di Toledo scontra Isabel Freire de Andrade, una di e dame di Isabella di Portugallu quandu a futura imperatrice si maritò cù Carlu I. Sicondu certi accademichi, a fanciulla portughese si prisenta cum'è a pastora Elisa in i versi di Garcilaso de la Vega. Apparentemente, questu hè stata affettata quand'ella si maritò cù Don Antonio de Fonseca, cunsiglieru di Toro (Castilla) in u 1529..

Altri amori degne di menzione

In u 1521, Garcilaso hà natu un figliolu illegittimu - benchì inclusu in u so testamentu - cun Guiomar Carrillo, cunnisciutu cum'è u primu amore di u pueta Toledo. Sta signora hè chjamata Galatea in u Eclogu I. Inoltre, Magdalena de Guzmán (un cuginu) hè Camila in Eclogue II è a bella Beatriz de Sá, moglia di u so fratellu Pablo Laso (ancu chjamatu Elisa).

Caratteristiche di i testi di Garcilaso de la Vega

U travagliu di Garcilaso de la Vega Hè custituitu di trè egloghe, quattru canti, quaranta sonetti, una epistola, un ode è ottu canti. tipu tradiziunale (ordinatu in versi ottosillabichi). In issu cumpendiu hè pussibule apprezzà in tutta a so dimensione u rinnuvamentu di i temi è di i generi aduprati ind'a a lirica rinascimentale.

Inoltre, alcuni di i sonetti è eclogues di Garcilaso sò cunsiderati da i stòrici cum'è una rapprisintazioni fideli di u signore ideale di u Rinascimentu. In listessu tempu, i so versi incorpore definitivamente a metrica di a lirica italiana à e cumpusizioni in spagnolu.

Miluna

A maiò parte di i sonetti di Garcilaso sò di natura d'amore, trà i quali, alcuni scritti in a so ghjuventù mostranu caratteristiche di u cantu tradiziunale. Invece, quelli sonetti creati in un'età più matura di u pueta tolède mostranu un accostu più caratteristicu di a sensibilità rinascimentale (palpabile ancu in i so canti).

Sonetto XXIII

"Fin quantu a rosa è u giglio

u culore hè mostratu in u vostru gestu,

è chì u vostru sguardu ardente è onestu,

cù luce chjara a tempesta serena;

 

è mentri i capelli, chì in a vina

d'oru hè statu sceltu, cù volu prestu,

da u bellu collu biancu, drittu,

u ventu si move, si sparghje è sbuchja;

 

pigliate da a vostra primavera felice

u fruttu dolce, prima di u tempu in furia

copre a bella cima cù neve.

 

U ventu glaciale seccarà a rosa,

l'età di luce cambierà tuttu,

per ùn avè micca cambiatu u so usu ".

A natura in l'opera di Garcilaso

D 'altra banda, L'eclogue di Garcilaso custituiscenu a massima spressione di u so talentu pueticu. In elli, parechji pastori deliberanu nantu à e dumande ligati à l'amore in un cuntestu di natura idealizata. Malgradu l'enumerazione Eclogue II Era u primu scrittu da u cumpusitore castiglianu è, trà i trè di a so autore, u solu à prisintà una trama drammatica.

Eclogue II (frammentu)

"Albanese

 

Hè questu un sognu, o veramente ghjucà

a manu bianca ? Ah, sognu, ti scherni !

Eru cridutu cum'è pazzu.

Oh, cura di mè ! tu voli

Cù ali veloci attraversu a porta d'ebano;

Mi sò stesu quì à pienghje.

Ùn hè micca abbastanza u male seriu in quale si sveglia

l'anima vive, o per dì megliu,

hè mortu di una vita incerta?

 

salicium

Albaniu, smetti di pienghje, qu'en oíllo

mi dispiace

 

Albanese

Quale hè prisente à u mo dolu ?

 

salicium

Eccu quale vi aiuterà à sente.

 

Albanese

Sò quì Salicio ? grande cunsulazione

Eru in ogni male a vostra cumpagnia,

ma aghju in questu à u cuntrariu u celu ".

Biografia di Garcilaso de la Vega

Garcilaso de la Vega

Garcilaso de la Vega

I stòrici ùn anu micca cunsensu in quantu à l'annu di nascita di Garci Lasso de la Vega (nome di battesimu). Una di e certezze in questu sensu hè ch'ellu hè natu in Toledo trà u 1491 è u 1503, ind'è una famiglia di a nubiltà castigliana. Era orfanu di u so babbu à una età precoce, ma questu ùn l'hà impeditu d'imbrugliassi in e trame pulitiche di u regnu di Castiglia..

A so ghjuventù in i tribunali castigliani

U ghjovanu Garcilaso hà ricevutu una educazione assai cumpleta per u so tempu in i Corti di u regnu. Là, hà amparatu parechje lingue (latinu, grecu, talianu è francese) è scontra à Juan Boscán, à quale ellu deve probabilmente a so predilezione per a puesia levantina. In u 1520, u pueta divintò un suldatu reale; da tandu hà participatu à numerose campagne militari in u serviziu di u rè Carlu I.

L'11 di nuvembre di u 1523, Garcilaso de la Vega fù numinatu Santiago in a chjesa di San Agustín in Pamplona. In l'anni dopu, hà cuntinuatu à participà à spidizioni militari impurtanti (hè statu feritu seriamente in unu di elli). Intantu, in u 1525 si maritò cù Elena de Zúñiga, surella di Carlu I di Spagna, cù quale hà avutu cinque figlioli.

Ultime campagne militari, esiliu è morte

In u 1530, Garcilaso facia parte di l'escursione reale di Carlu I à Bologna, duv'ellu divintò Carlu V, Imperatore Santu Rumanu. Dopu un annu, hè statu banditu (per participà à un matrimoniu micca autorizatu) à l'isula di Schut (Danubiu), prima di stallà in Napuli. In u 1535, hà ricivutu dui tagli di lancia à a bocca è u bracciu drittu durante u ghjornu di Tunisi.

L'annu dopu, Carlu V andò in guerra contr'à Francescu I di Francia. Pocu dopu, Garcilaso fù numinatu maestru di campu per a spidizioni attraversu a Provenza. Quì, hè statu feritu seriamente in cumbattimentu durante l'assaltu à a furtificazione di Muy. Infine, u pueta è suldatu di Toledo hè mortu in Nizza, u 14 ottobre di u 1536.


U cuntenutu di l'articulu aderisce à i nostri principii di etica edituriale. Per signalà un errore cliccate quì.

Sianu the first to comment

Lasciate u vostru cummentariu

U vostru indirizzu email ùn esse publicatu.

*

*

  1. Responsabile di i dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopu di i dati: Cuntrolla SPAM, gestione di cumenti.
  3. Legitimazione: U vostru accunsentu
  4. Cumunicazione di i dati: I dati ùn seranu micca cumunicati à terzi, eccettu per obbligazione legale.
  5. Archiviazione di dati: Base di dati ospitata da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: In ogni mumentu pudete limità, recuperà è cancellà e vostre informazioni.