Carmen conte Abellan. Anniversariu di a so nascita. poesie scelte

Fotografia: Carmen Conde. RAE

Carmen conte Abellan hè natu in Cartagena (Murcia). Aostu 15 di u 1907. Hà travagliatu cum’è maestru campagnolu è hà ancu fundatu l'Università Populare di a so cità. Era amica di Azorín, Juan Ramón Jiménez, Miguel Hernández, María Cegarra, o Vicente Aleixandre è Antonio Buero Vallejo. Hà studiatu a literatura cù Dámaso Alonso è prosa è versi publicati. Era u prima donna à entra cum'è un accademicu pienu à l'Academia Reale Spagnola in u 1979 è hà occupatu a sedia K. Trà i so travaglii sò certi tituli Vive contr'à u vostru specchiu (rumanzu) o I soffiu chì và è ùn torna (storie). Eccu alcuni poesie scelte cum'è un memoriale à a so memoria.

Carmen Conde Abellán - Poesie Scelte

La consegna

Perchè u corpu
u corpu sanu rifuggia a vita
a so oscura ma illustre omnipotenza,
Hè sempre quì, serà sempre.
È quellu chì ama è chì vole, vole
pussede è rende pussede.

sera è notte, alba o matina,
amore, l'amore pretende u corpu
in dim walk, o rowdy
per via piena di lava:
l'eternità lugubre chì dà a vita
morte incrustata.

Un vulcanu ghiacciatu; sò oceani
lucidi e vertiginosi
cun furia per more mentre amu ?
Perchè questu hè a consegna di quellu chì ama:
una catastrofa despotica.

Sò cusì cusì, sò questu, si dumanda,
cresce da crucivia salvatica,
campà da a mo morte chì salvu,
cun furia per more quandu amu?
U corpu si sente à sente à l'internu
è un altru me hè suffucatu in a quistione.

Cumu intactu u risvegliu. già spogliata
l'invasione di sè stessu, u corpu geme.
U mare torna riclamendu assorbente
è torna collassatu è ricuperà.

pioggia in maghju

Chì bella tù, l'insonnu !
Ti piglia è ti muffa ventu dolce
sopra giardini è statue.
U vostru corpu hè quellu di Venere nantu à a riva
eternamente mare in l'alba.

Venite sempre à mè, sia propiziu per mè.
A festa di e foglie nantu à i so rami
i sognatori svelti ti dannu
chì in i gruppi in muvimentu si alzanu.

Ùn aghju micca fiore... Solu u mo troncu
ospita una campana per frutti.
Pioggia ch'e cuntemplu, malincunia :
ùn cresce micca per mè Vivu inundatu.

tutti l'ochji

I sguardi sò arburi chì perdenu e so foglie.
Avete da penetrà u compactu,
per forà u misteru per scopre a terra
coperto di pioppi, olmi,
di cedri a ragnatela.

A vegetazione stretta umiliate sottu u pesu di u tempu
a so abbondanza radiante, d'eteri umidi...
Ah a corsa in fretta
di i rami, di i sguardi
si taglianu da i so tronchi !

Solu qualcosa, solu u vapore acidu chì si dilata
i denti di a banda implacable
quand'ellu morde l'erba...
Fume invisibile di verde strappatu,
piuma calda di odori.

Li perdemu, taglienduli inconsciente
di longa cuntemplazione.
È stemu in terre deserti,
nantu à i lidi devastati,
in falsi oasi senza acqua nè palme.
Perchè, finu à quandu, à chì ora
Tutti quelli sguardi si scontranu in un fasciu freneticu,
per diventà un brevi raghju definitivu?

Stu pavimentu scivoloso,
e maree di foglie chì eranu ochji
appiccicatu à e cose, à l'esseri, à l'illusione di vede !

Primu amore

Chì sorpresa u vostru corpu, chì vehemenza ineffable !
Per esse tuttu questu vostru, per pudè gode di tuttu
senza avè sunniatu, senza mai
una ligera speranza prumetterà a felicità.
Sta beatitudine di focu chì vi sviuta a testa,
chì ti rinvia,
ti chjappà in un abissu
chì ùn hà micca misura nè prufundità.
abissu è solu abissu
da tè à a morte !
I vostri braccia !
I vostri braccia sò listessi cum'è l'altri ghjorni,
è tremu è chjude intornu à u so corpu.
U to pettu, quellu chì suspira, straneru, scuzzulatu
di e cose chì ignorate,
di mondi chì u movenu...
Oh pettu di u vostru corpu, cusì fermu è cusì sensibile
chì una nebbia rende nuvola
è un basgiu a trapassa !
Sì nimu ùn hà mai dettu ch'elli s'amavanu tantu !
Puderete aspittà chì i vostri capelli brusgianu,
chì tuttu ciò chì site cascarà cum'è u focu
in un gridu senza numeru,
da una serra di muntagna gridata da l'alba ?

Ash tu un ghjornu? cendra sta follia
chì fate cù a vita appena spuntata in u mondu?
Ùn finisci mai, ùn spegnete mai !
Eccu u focu, quellu chì piglia tuttu
per brusgià u celu alzendu a terra.


U cuntenutu di l'articulu aderisce à i nostri principii di etica edituriale. Per signalà un errore cliccate quì.

Sianu the first to comment

Lasciate u vostru cummentariu

U vostru indirizzu email ùn esse publicatu. campi, nicissarii sò marcati cù *

*

*

  1. Responsabile di i dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopu di i dati: Cuntrolla SPAM, gestione di cumenti.
  3. Legitimazione: U vostru accunsentu
  4. Cumunicazione di i dati: I dati ùn seranu micca cumunicati à terzi, eccettu per obbligazione legale.
  5. Archiviazione di dati: Base di dati ospitata da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: In ogni mumentu pudete limità, recuperà è cancellà e vostre informazioni.