Antulugia di u Salitu, una lettera aperta à l'obliu

Rive di Punta de Piedras

Rive di Punta de Piedras

Antulugia di u sali hè l'ultima opera puetica di u scrittore venezuelanu Juan Ortiz. Hè un titulu di compilazione chì include tutte e so cullezzione di puesia - nove, finu à a data - più un libru ineditu: A me puesia, u sbagliu. In l'ultime in particulare, l'autore tocca strettamente e riflessioni nantu à a vita intornu à l'eventi di a pandemia dopu a so dura sperienza cù Covid-19.

Duranti a so carriera, Ortiz hà ancu eccellendu in altri generi literarii, cum'è rumanzi, racconti è saggi.. Oghje, travaglia cum'è editore è editore, in più di esse un creatore di cuntenutu per portali cum'è Lifeder, Letteratura attuale, Cunsiglii di Scrittura Oasi è Frasi Più Puesie.

Antulugia di u sali, lettera aperta à l'obliu (2021)

Antulugia di u Salitu, una lettera aperta à l'obliu (2021) hè u titulu più recente di Ortiz. Hè a so prima publicazione stampata internaziunale dopu a so migrazione à Buenos Aires, Argentina, in 2019. U travagliu hè ghjuntu à a luce in u furmatu di l'autopublicazione cù u sustegnu di u sigillo Letra Grupo Editorial. Cù stu libru, Ortiz cerca di dà un spaziu di cunvergenza à a so vasta creazione puetica, chì ùn hè chjuca, postu chì si parla di circa 800 puesie.

Nota di l'editore

In e parolle di u so editore, Carlos Caguana: "Antulugia di u sali hè assai più di 10 opere in una, hè 10 capituli di a vita di u pueta purtatu à i testi cù una bella lingua marina chì manca è brama, chì brama e so terre saline, è chì canta l'amore, l'obliu, l'esistenza, l'inghjustizia, ogni sughjettu pussibule chì cuncerna u so transitu per sti terri, è Ortiz a face da una prospettiva franca, umana è contundente ".

Preambulu à u libru

L'opera hè ricivuta cun un prologu largu è cumpletu scrittu da Pueta venezuelana Magaly Salazar Sanabria -Membru currispundente di l'Accademia venezuelana di lingua per u Statu di Nueva Esparta. In i so linii, u scrittore rinumatu si rompe è analizà prufondamente i libri unu per unu contenuta in u titulu, emette una critica precisa da una visione puetica larga.

Frà e note di Salazar Sanabria, si distingue: "... sta scrittura mantene una postura etica trà i so fundamenti. E parolle conservanu una dignità chì li sustene perchè ci hè una rispunsabilità cù a verità, a libertà è l'onestà di u mistieru di pueta, di scrittore ». U pueta cummenta ancu: "In i versi di Juan Ortiz, percivemu l'umanità di i so sentimenti, chì sò dulurusi, è a vedemu chjaramente in a lingua, induve a forza di a tristezza, l'impotenza è u dulore si sentenu".

Struttura di u travagliu

Comu si dicia à u principiu, u libru hè una compilazione di dece opere chì à u turnu serve cum'è capituli. Quessi sò: Salt Cayenne (2017), Roccia salina (2018), Lettu (2018), Home (2018), Di l'omu è altre ferite di u mondu (2018), Evocativu (2019), aslyl (2019), Corpi nantu à a riva (2020), Matria dentru (2020) è A me puesia, u sbagliu (2021).

Ancu s'è ogni rùbbrica hà a so propria essenza, a prisenza di elementi marini in ognuna di elli hè notevuli. U sali, u mare, e cunchiglie, i piscadori, i mareras, i rancherias… ogni elementu di a riva hà un rolu chì ùn pò esse ignoratu. Un esempiu chjaru di questu hè denotatu da u puema scrittu à u spinu di u libru:

"Quandu ùn scrive più nantu à u sali »

Quandu ùn scrivu più nantu à u sali

è i terri marini volanu da e mo mani,

tene a mo penna.

 

Se a tinta ùn hè micca guarita,

ùn hà micca u gustu di a riva,

a so voce ùn durà nunda,

Araghju persu a linea di i gannets,

l'arte necessaria di a marera,

u ballu prodigiosu di u bancu di sardine.

Capituli

Salt Cayenne (2017)

Stu travagliu rapprisenta l'entrata formale di u scrittore in u mondu pueticu. Ancu s'ellu hà scrittu puesie dapoi circa u 2005, tutti quelli testi restanu inediti finu à tandu. U titulu hè scrittu puramente in prosa puetica è i puemi mancanu un nome, sò simpricimenti numerati in caratteri rumani - qualcosa chì diventerà cumunu in parechji di i so altri libri.

Ancu s'ellu ùn ci hè micca una metrica definita, ci hè un ritmu è una intenzione in ogni puema. Ùn hè scrittu per u mera fattu di scrive, ma ci hè una intenzione assai sincera in ogni versu è stanza. I ghjochi metaforichi prufondi cù parechje scunnisciuti ponu esse apprezzati chì portanu u lettore à ripensà ogni puema una volta è più.

U mare è u sali, cum'è in ogni libru di l'autore, anu un rolu maiò in stu capitulu. Andanu in manu cù l'amore, ma micca cù l'amore convenzionale cù una finitura rosa, ma piena di passione è oblicu.

Poema numeru "XXVI"

Mantenemi quì

in u cimiteru di conchiglie di perle,

induve dorme e dumande di mille corpi

è e risposte ùn visitanu micca.

 

Eramu toccu da a mutezza di u corallu,

un sole di perle nantu à a cornice

è l'abriu di qualchi rete chì aspittàvanu u compitu in a caverna.

 

Cercu ancu a fissura in a bufera,

u gap chì unisce tuttu,

u ligame chì cunnetta i spazii,

i chjassi rotti in a cala,

fin'à ch'e so stancu è ch'è tù apparisse quandu ùn ti aspittà più.

Roccia salina (2018)

In stu secondu capitulu, persiste u sali, l'amore cumplicatu, e metafore, l'imaghjini, u mare. A donna diventa un refuggiu in u sulitariu, ma ancu essendu inseme, ùn si ferma micca solu. Ci hè una brama piena di pruibizioni trà i versi, una currispundenza truncata chì cerca u spaziu utopicu di e strofe per accade.

Tuttavia, malgradu a passione notevule chì si pò sente, l'obliu ùn smette di presentà si cum'è una frase, cum'è a realità chì aspetta tuttu ciò chì porta un nome. A prosa hè sempre prisente cum’è lingua puetica, ma u ritimu è l’intenzionalità ùn si lascia micca à ogni puntu, à ogni parolla.

Poema "X"

U dettu hè chì ùn insisteraghju micca.

scriveraghju,

cume sempre,

di a notte è i so acelli di silenziu,

di cumu migraru à a mo porta

è ingombra i mo finestri.

 

scriveraghju,

sì,

e le conchiglie suscitano tifoni su lingue perlate,

i carrughji marini cacciranu i vostri passi da e so petre

è l'ambra di u to nome sarà lavata da l'onde,

tenutu nantu à i scoglii.

 

Scriveraghju è mi parerà chì mi ricordu di tè,

ma in verità,

Questu hè cumu megliu scurdà.

A casa ch'e eru, a cità ch'e aghju campatu (2018)

In stu casu, a casa di a mamma è a cità —Punta de Piedras— sò i prutagonisti. A prosa hè sempre in lingua cumuna, è questu Hè adurnatu cù l'imaghjini tradiziunali di quella riva chì hà vistu cresce u pueta è di quelli muri chì accoltavanu a so zitiddina è a so adolescenza. L'autore mette un enfasi particulari à i caratteri di u so lar, è ancu à e credenze populari chì anu arricchitu a so caminata per quelli lochi di sali.

Si mette in risaltu a brevità di i versi è di e strofe è cumu si intreccianu cum’è una storia, da u principiu à a fine. A casa, stessu, hè una entità vivente chì cuntempla quelli chì l'abitanu, ch'ellu si sente, ch'ellu sà, è ch'ellu decide ancu quale a campa è quale ùn.

Poema "X "

Fora a pioggia bagna tuttu,

spinghje a notte in a mo stanza.

Qualcosa mi dice,

Pensu,

o forse vogliu chì mi dica qualcosa.

Per sapè ciò chì a vostra voce passa,

Di sicuru, aghju acqua

è cumpleta da questu latu

ciò chì deve esse lavatu dentru.

Lettu (2018)

Di i libri di Juan Ortiz, questu hè, forse, u più eroticu di tutti. A sensualità hè prisente in ogni versu in modu intensu, micca in vain u titulu di l'opera. Cum'è in a sezione precedente, si mantene a brevità di e puesie, è in i so spazii chjuchi si sviluppa una realità sana, un mondu, un scontru.

Qualchidunu pò percive sta cullizzioni brevi di puesie cum'è un rumanzu assai cortu, induve ogni puesia narra i capituli d’un amore fugace ma intensu - Chì puderia esse una vita à sè stessu. Di sicuru, ùn ci mancanu ghjochi di parolle, imagine suggestive.

Poema "XXIV"

U lettu hè fattu

per diventà orizzonte.

 

Andate quì

minacciate è scurite quantu a vita hè tarda

finu à a fine di u mondu.

Di l'omu è altre ferite di u mondu (2018)

Stu capitulu si distingue per a rigurosità di a lingua di u pueta. Hè, in sè stessu, una catarsi, una lagnanza contr'à a spezia è u so passaghju distruttivu per u pianeta. In ogni casu, ci sò brevi tentativi di mediazione in quale l'intervenzione di a presenza divina hè dumandata per vede s'ellu u mess di l'esistenza hè allughjatu un pocu.

A prosa hè prisente in a spressione discursiva di ogni puema. L'imaghjini presentati sò duri, sò un riflessu di a dura realità di ciò chì l'omu chjama storia.

Frammentu di u puema "XIII"

Tuttu hè circa un ardenti,

di a strada ardente chì corre à traversu u nostru sangue,

chì pressa e mascelle perlate finu à chì e fundazioni si macinanu per lucidarci a cintura in giù,

per purificà di corpu à corpu,

lascenduci cusì traslucidi,

tantu sguassati da a culpabilità chì diventemu specchi,

ci guardemu, ci ripetemu

è più ottobre venenu à pupulare l'inguerni.

 

Stu lignu hè una bocca aperta di cambiamenti infiniti;

vai à masticà, hè ciò chì site ghjuntu,

Andate à modellà l'aria

tesse e reti di luce chì scolpiscenu l'Olimpiadi chì passanu di tanti ego chì si alzanu.

 

Ùn vulia micca esse u mortaru di i ghjorni in stu sognu,

quantu avaria pagatu in muneta di l'onestà - a più cara - per esse l'erba fina di un pratu tranquillu è lascià prestu,

ma sò cool

Sò vinutu à strappare i sette aria di u mondu inseme cù a mo razza.

Evocativu (2019)

In stu libru, ancu s’è u discorsu in prosa persiste, cum’è u sali è u mare, ci hè un enfasi nant’à l’aspettu ludicu. L'evucatori - cum'è li chjama Ortiz - venenu à puetizà ognunu di l'elementi di a so terra, da l'isula Margarita. Da l'elementi marini à i terrestri, l'usi è i caratteri.

Citazione di Juan Ortiz

Citazione di Juan Ortiz

Per ottene, l'autore usa una breve ma cuncisa discrizzione di ciò chì hè puetizatu. Ogni evucativu si chjude cù u nome di l’ughjettu, a cosa o l’essere à quale si riferisce, cusì si pudia parlà d’una puesia inversa chì invita l’ascultore à indovinà di ciò chì si parla prima chì l’ultimu versu a palesa.

Poema "XV"

U so abitudine copre

certezze di paura,

u pesciu sà

è quandu u basgiò

perde di novu a so voce.

Gabbianu

aslyl (2019)

Il s'agit d'une œuvre d'adieu, telle qu'elle est écrite avant l'éloignement du poète du pays. A nustalgia hè in superficia, l'amore per a terra, per u spaziu marinu chì ùn si vede micca finu à chì ùn si sà quandu.. Cum'è in i capituli precedenti, a prosa hè cumuna, cum'è i numeri rumani invece di i tituli.

A lingua di a passione ùn cessà di esse presente, è hè intensamente cumminata cù quadri regiunalisti è costumbristi. Se parlemu di dispiaci in l'opera di Ortiz, stu tìtulu cuntene unu di i più significativi : quellu causatu da a migrazione.

Poema "XLII"

Aghju cercatu di lascià bè.

Lascià hè un arte chì,

per esse fattu bè, stupisce.

 

Per sparisce cum'è duverebbe ghjunghje,

deve esse statu,

almenu un acellu di luce.

 

Per lascià cusì, di colpu,

cum'è un obliu nantu à u ramu,

mi costa cun ella.

 

A porta ùn viaghja micca per mè

o a finestra, nudda parte mi alluntaraghju,

induv'ella esce, pare nuda

cum’è un’assenza chì pesa

m'invitendu à ritruvà a lettiera in u giardinu,

è stau quì, à mezu à qualcosa,

ghjallu,

cum'è un pirdunu davanti à a morte.

Corpi nantu à a riva (2020)

Stu capitulu differisce da quellu sopra in dui aspetti chjave: i puesii anu un titulu non numericu è l'autore s'avvicina un pocu di metrica tradiziunale è rime. Tuttavia, a prosa tene sempre un postu predominante.

U sottutitulu « Poesie di ùn si mette in nudda parte » allude à u fattu chì stu libru racolta una grande parte di i testi spargugliati di l’autore dapoi i so principiu di pueta, è ch’elli ùn si « currispundenu » à l’altri puemi per via di e so diverse tematiche. Tuttavia, quandu sfondate in i linii di stu titulu L'essenza chjara di Ortiz cuntinueghja à esse percepita è e tracce lasciate da u so populu è a so zitiddina in i so testi.

Poema "Se parlassi cù l'anghjuli"

Se aghju parlatu à l'anghjuli cum'è u mo babbu,

Saria già abbastanza pueta,

Avaria saltatu i cimi daretu à l'ochji

è fattu i passaghji cù a bestia ch'è no simu dentru.

 

Se sapia un pocu di e lingue di i trascendenti,

a mo pelle seria corta,

turchinu,

per dì qualcosa,

è trapassa i metalli densi,

cum'è a voce di Diu quandu chjama à i cori di l'omi.

 

È hè chì sò sempre scuru

à sente l'aprile chì mi salta in vena,

forse sò i gannets chì aghju avutu una volta in u nome,

o a marca di u pueta cù quale eru feritu prufonda, ramintendu u so versu di petti nudi è acque perenne ;

Ùn a sò micca,

Ma s'ellu si face bughju, sò sicuru ch'e resteraghju u listessu

è u sole mi cercherà dopu per fà i conti

è mi ripete in un’ombra chì conta bè ciò chì passa daretu à u pettu ;

riaffermà i solchi di u tempu,

rinfurzà u legnu in e coste,

u verde à mezu à u fegatu,

u cumunu in a geometria di a vita.

 

Se solu parlassi à l'anghjuli cum'è u mo babbu,

ma ci hè sempre una lettera è una strada,

lasciate a pelle esposta

è sfondate più in u bughju cun un pugnu fermu è giallu,

cù un sole per ogni croce in lingua di l'omi.

Matria dentru (2020)

Stu testu hè unu di i più crudi di Ortiz, solu cumparabile cù Di l'omu è altre ferite di u mondu. En Matria dentru un ritrattu hè fattu di u Venezuela da quale ellu avia da lascià in cerca di un futuru megliu per a so famiglia, ma chì, ùn importa quant'ellu prova, ùn l'abbanduneghja micca.

Citazione di Juan Ortiz

Citazione di Juan Ortiz

A numerazione rumana hè ripresa perchè ogni puema hè un mini-capitulu induve a prosa torna prevalente. Parla di a vita di ogni ghjornu di una realità cunnisciuta da u mondu sanu, ma assunta da pochi; a fame è a pigrizia, l’abbandonu, a demagogia è i so chjassi scuri sò tracciati, è cumu l’unica via d’uscita hè di attraversà e fruntiere induve a pruvidenza permette.

Poema "XXII"

Innumerevoli vasetti per marinare l'assenza,

vechji imagine per ricurdà ciò chì hè andatu,

chjudendusi in un oblicu necessariu, pianificatu,

esce sporadicamente per vede s'ellu hè accadutu tuttu,

è ripetite u prucessu s'ellu hè ancu più scuru fora.

 

Parechji di noi ùn pudianu seguità a formula,

Allora avemu diventatu pappagalli, avemu cusitu ali da u sangue

è partimu in voli spargugliati per vede s'ellu s'alba fora di u recintu.

A me puesia, u sbagliu (2021)

Questu hè a chjusura di u libru, è l'unicu travagliu ineditu presente in tutta l'antulugia. I caratteri di u testu puesie di temi assai varii è Ortiz mostra a so manipolazione in e diverse forme puetiche. Tandu, Ancu s'è a so predilezzione per a prosa hè notoria, manighja a maiò parte di e forme poetiche tradiziunali di u spagnolu in una manera assai bona., cum'è u decimu spinellu, u sonetto o i quatrini.

A me puesia, u sbagliu nasce dopu à un capitulu assai difficiule in a vita di l'autore: sopravvive à Covid-19 cù a so famiglia in un paese straneru è da casa. L'esperienze vissute duranti u cuntagiu ùn eranu per nulla piacevuli, è ci sò dui puesie chì l'esprimenu in modu contundente.

U pueta canta dinò l’amichi di core chì sò partuti. Tuttavia, micca tuttu hè tragedia in questa sezione, a vita, l'amicizia è l'amore sò ancu celebrati, soprattuttu quellu chì si senti per a so figliola Julia Elena.

Poema "Eramu quattru cracks"

In quella casa,

eramu quattru cracke;

ci sò stati rotture in i nomi,

in l'abbracci,

ogni quartu era un paese in dittatura,

I passi avianu da esse cura assai bè per ùn andà in guerra.

 

Eccu cumu a vita ci avia fattu:

duru, cum'è u pane di i ghjorni;

seccu, cum'è l'acqua di u rubinettu;

resistente à l'affettu,

maestri di u silenziu.

 

Tuttavia, malgradu a strettezza di i spazii,

à i forti limiti territoriali,

Ogni bordu crepatu s'accordava perfettamente à u prossimu,
è quandu tutti sò inseme,

à tavula, davanti à u piattu di u ghjornu,

e fessure eranu chjuse,

è eramu, veramente, una famiglia.

À propositu di l'autore, Juan Ortiz

Ghjuvanni Ortiz

Ghjuvanni Ortiz

Nascita è primi studii

U scrittore Juan Manuel Ortiz hè natu u 5 di dicembre di u 1983 in a cità di Punta de Piedras, Isla de Margarita, statu di Nueva Esparta, Venezuela. Hè u figliolu di u pueta Carlos Cedeño è Gloria Ortiz. In quella cità nantu à a riva di u Mari Caraibicu hà studiatu u stadiu iniziale in a prescola di Tío Conejo, l'educazione basica in a scola Tubores è Hè laureatu cù un Bachelor of Science da a Fundazione La Salle (2000).

Studii universitarii

Più tardi, studià Licenzatura in Informatica à l'Università di Oriente Nucleo Nueva Esparta. Tuttavia, dopu à trè anni, hà dumandatu un cambiamentu di carriera à l'Educazione Integrale, una decisione chì marcarà a so strada per a vita. Cinque anni dopu ricevutu cù una menzione Lingua è Letteratura (2008). Duranti stu pirìudu, hà ancu sviluppatu a professione di chitarrista accademicu, chì più tardi li servirà enormamente in a so carriera.

Travagliu d'insignamentu è prime publicazioni

Hà appena u so diploma hè statu incorporatu da Unimar (Università di Margarita) è principia a so carriera cum'è prufissore universitariu. Ci hà travagliatu cum'è prufessore di literatura, storia è arti, da u 2009 à u 2015. In seguitu, hè assimilatu Unearte (Università di l'Arti), induve hà insignatu classi d'armunia appiicata à a chitarra è a interpretazione strumentale. In quellu periodu hà ancu cullaburatu cum'è columnist per u ghjurnale Sole di Margherita, induv'ellu avia u spaziu "Transeúnte" è principia u so "svegliu literariu" cù a so prima publicazione: In bocca di l'alligatori (rumanzu, 2017).

Di ghjornu in ghjornu, Scrivite recensioni per i portali Letteratura attuale, Lifeguard, Cunsiglii di scrittura Oasis y Frasi più puesie è travaglia cum'è correttore è editore.

Opere di Juan Ortiz

  • In bocca di l'alligatori (rumanzu, 2017)
  • Salt Cayenne (2017)
  • Roccia salina (2018)
  • Lettu (2018)
  • A casa induve eru a cità induve aghju campatu (2018)
  • Di l'omu è altre ferite di u mondu (2018)
  • Evocativu (2018)
  • Riva sacra (antologia poetica, 2018)
  • Passante (raccolta di storie da a colonna di u U sole di Margherita, 2018)
  • aslyl (2019)
  • Storie da u gridu (Storie d'orrore, 2020)
  • I corpi nantu à a riva (2020)
  • A me puesia, u sbagliu (2021)
  • Antulugia di u sali (2021)

U cuntenutu di l'articulu aderisce à i nostri principii di etica edituriale. Per signalà un errore cliccate quì.

Sianu the first to comment

Lasciate u vostru cummentariu

U vostru indirizzu email ùn esse publicatu.

*

*

  1. Responsabile di i dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopu di i dati: Cuntrolla SPAM, gestione di cumenti.
  3. Legitimazione: U vostru accunsentu
  4. Cumunicazione di i dati: I dati ùn seranu micca cumunicati à terzi, eccettu per obbligazione legale.
  5. Archiviazione di dati: Base di dati ospitata da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: In ogni mumentu pudete limità, recuperà è cancellà e vostre informazioni.

bool (veru)