Fiera di u Libru di Madrid. Cronica di un viaghju

Ritratti di l'articulu: (c) Mariola Díaz-Cano.

La 80a edizione de la Fiera di u Libru di Madrid s'hè fattu trà u 10 è 26 di Settembre. Dopu l'ultimu annu in biancu per via di a pandemia glubale chì ci tocca, l'appuntamentu annuale u più attese cù libri è scrittori in a capitale di Spagna hà riesciutu à vultà in virtù di a so ghjurisdizione. Hè statu in u so accintu abituale, u parcu di Retirement, anchi si in versione ridutta è cuncintrata, ma cù u listessu o più successu forse chè in l'occasioni precedenti. L'aghju visitata u 25 è questu hè a mo cronaca.

80esima edizione di u Fiera di u Libru di Madrid

Con Culombia cum'è paese invitatu, a Fiera hà più o menu ripigliatu à tempu impulsu è successu. Hè stata cun boni numeri micca solu di visitatori, chì anu cumpletu a capacità limitata parechje volte, ma in vendita, o cusì un editore m'hà dettu ieri, è in presenza di grandi nomi in letteratura naziunale è occasionale internaziunale cum'è, per esempiu, talianu Federico Moccia.

Sò stati ancu Ghjorni di 17 di attività, atti è firme. Cù chjusura à meziornu, solu l'ultimu weekend hè statu apertu da 10:30 à 21:00 Cù spicci di longhe file per entre à meza matina, què capacità ridutta à 75% cum'è u spaziu è u numeru di cabine anu fattu qualchì volta più di unu rinuncià à andà o à entre. Ma, in generale, u bilanciu hè assuntu pusitivu.

In più, u e misure anticovidi sò state mantenute in ogni momentu cù l'usu obligatoriu di a maschera in tuttu u lucale. Tuttavia, u distanza suciale hè stata più difficiule.

Rapportu - FLM, 25/9/2021

At 10 in a mattina ci era dighjà unu fila di circa 50 metri aspittava più o menu per entre in a porta sud è u publicu era di i più diversi è di tutte l'età. Solu una ora dopu a capacità era in pienu vertiginosa è parechje attività —Conferenze, cunvegni, recital ... - in i sfarenti padiglioni disposti nantu à a passeggiata centrale. In ellu questu annu era a novità d'avè messu più cabine per cumpensà a riduzzione di spaziu, in più d'avè ancu cacciatu centimetri da a larghezza di e cabine.

Secondu mè, forse saria statu megliu à u cuntrariu: dà, se micca tuttu u spaziu da prima longu u Paseo de Carros, almenu un pocu di più per pudè tenelu trà cabine è micca restringe u passaghju, cum'è accadutu cun elli in a passeggiata centrale. Cum'elli puderianu avè stallà più siti di risturazione per beie un bichjeru, perchè solu cù dui ùn pensu micca ch'ellu ne abbia abbastanza. È di tavule gratisi per pudè pusà è ùn parlemu mancu. Ma hè solu a mo opinione.

Più code

Per e firme di l'autore, dicemu a più grande, naturalmente. Perchè alcuni eranu logisticamente ben pianificati per devialli versu i lati cuntrullati, ma altri avianu da esse limitati da u latu oppostu per ùn interrompe u passaghju di i visitatori. È certi si sò furmati ghjustu in parallelu in u centru. Cusì certe volte eranu difficiuli à schivà o duvianu esse attraversati.

Scrittori, figure è altri persunagi

Sò andatu cun obiettivi fissi nantu à i mo autori preferiti ovviamente è secondu e firme di u ghjornu. Ancu ovviamente ùn hè micca pussibule d'andà o d'andà à vede è salutà à tutti quelli chì mi sarebbe piaciuti. Cusì, fendu u tempu trà a firma è a firma, aghju giratu a Fiera parechje volte.

Frà e centinaia di autori sapemu dighjà chì ci sò scunnisciutu, un pocu più cunnisciutu, cù nome, Con tirà è cum'è, quelli chì sò al di là di u bè è di u male. Trà l'ultimi, eranu quì Eduardo Mendoza placeholder image, Javier Fences, Julia Navarro o Santiago Posteguillo, cù infinite code di stalvatoghji. È vogliu pensà chì forse eranu momenti specifici o chì coincidianu quandu aghju passatu per e so cabine più di una volta, ma mi hà attiratu l'attenzione chì Mendoza, Cercas è Navarro eranu senza maschera firmà è serve à i lettori. Benintesa, è per a foto abituale, tutti l'avemu tolti à l'epica, ma mi dava l'impressione chì ùn eranu micca i so casi.

Anu avutu assai tiru ancu Carme chaparro, Elisa Victoria, Rodrigo Cortes, Amarna Miller o Luciana Gilli. È dighjà in dopu meziornu, in una casa aperta è speciale per e firme, Elisabet Benavent riunì una folla sana.

Caratteri cum'è u Dioni o l'illustri Íñigo Errejón è Federico Jiménez Losantos.

E mo firme

Quelli chì vulia. Cusì grazie assai assai per a gentilezza, e parolle, l'affettu è e dediche di Dumenicu Villar, Daniel Martin Serrano, Santiago Diaz, Theo Palacios, Javier Pellicer e Inaki Biggi. Hè statu un piacè è una gioia vedi tutti per celebrà micca solu sta festa di u libru, ma per pudè fà torna una faccia à faccia.

Cù Iñaki Biggi, Domingo Villar, Daniel Martín Serrano, Santiago Díaz, Javier Pellicer è Teo Palacios.

A frasa

Sentutu durante u volu di una mamma o di una minnanna chì camminava un zitellu in un passeggiu è chì riassume u essenza è desideriu Da tutti i boni lettori è quelli di noi chì amanu i libri in generale: «Questa hè a vostra prima fiera. È ci vole sempre à vene ».

Allora ...

... chì sò assai più, cum'è prima o cumu si deve esse, ma lasciarli esse.


U cuntenutu di l'articulu aderisce à i nostri principii di etica edituriale. Per signalà un errore cliccate quì.

Sianu the first to comment

Lasciate u vostru cummentariu

U vostru indirizzu email ùn esse publicatu.

*

*

  1. Responsabile di i dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopu di i dati: Cuntrolla SPAM, gestione di cumenti.
  3. Legitimazione: U vostru accunsentu
  4. Cumunicazione di i dati: I dati ùn seranu micca cumunicati à terzi, eccettu per obbligazione legale.
  5. Archiviazione di dati: Base di dati ospitata da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: In ogni mumentu pudete limità, recuperà è cancellà e vostre informazioni.

bool (veru)